. Repubblica Italiana
. Italy
. Italie
. Italien
. ИТАЛИЯ

                             

Bandiera Nazionale
Adozione
17/3/1861
Descrizione:  La bandiera ha tre nastri verticali uguali di verde, bianco e rosso. Ispirata al tricolore francese i colori riprendevano quelli delle divise della Guardia Nazionale di  Milano.  Il 19/6/1946 fu tolto lo scudo sabaudo a seguito della proclamazione della Repubblica il 2 dello stesso mese.


Unità d'Italia ~17 Marzo 1861~17 Marzo 2011~150 Anni



Il Nome

Gli Enotri-Pelasgi provenienti dalla Siria si stanziarono in Calabria chiamandola Ausonia dal nome di Ausonide una regione fertilissima della madrepatria.
Il successore del loro primo re Enotrio che regnò per 71 anni fu il figlio Enotrio-Italo da cui la regione prese il nome di Italia o Vitalia.
Virgilio nel libro terzo dell'Eneide chiamò Italia questi territori e anche Tucidide fece derivare il nome Italia appunto dal re Enotrio-Italo.
Il nome a sua volta deriva dalla divinità totemica identificata nel "Toro" e quindi le derivazioni Vitulus-Vitello-Italo-Italia.



Nel sec. III a.C. il nome Italia fu esteso all'Italia centrale e, poi, a quella Settentrionale, dall'Arno al Rubicone e infine a tutta la penisola con la riforma amministrativa ordinata da Augusto nel 24 a.C.


 

ITU code

I

FIPS code

IT

ISO 3c

ITA

ISO Internet

.it

license plate

I

Olympic code

ITA

ISO 3c code

EUR

Phone prefix

39-0

GMT time

+1











 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stemma di Stato dal 5/5/1948

Lo stemma riproduce tra un ramo di ulivo e uno di quercia che  simboleggiano la pace e la rispettabilità del Paese, una ruota dentata simbolo del lavoro a cui è sovrapposta una stella bianca bordata di rosso che simboleggia l'unità nazionale. Sotto sul cartiglio rosso la dicitura in bianco "Repubblica Italiana".

 



stendardo presidenziale





bandiera di stato in mare dal 23/10/2003




 
insegna civile




insegna navale




Map



Map



map



map



Roma


 


x
Cronologia


Regno di Roma 753ac / 509ac


---------------------------------------------------------------

 

Repubblica di Roma 509ac / 27 ac

Consolato 509ac/ 27ac
Dittatori 501 ac / 446ac
Pontefici Massimi 509ac / 13ac
Tribuni Consolari della Repubblica 444ac /367 ac
Censori della Repubblica 280ac / 28ac

---------------------------------------------------------------


Impero Romano 27ac / 476 dc

Impero 283/285 Diarchia
Impero 285/286 Diarchia
Impero 286/395 Tetrarchia
Imperatori d'Occidente 286/395
Imperatori d'Oriente 286/395
Impero Romano d'Occidente 395/476
Parens e Patrizi dell'Impero 395/476
Impero Romano d'Oriente 395/476


----------------------------------------------------------------

 

Italia 476 ~ 1805

 

Regno d'Italia degli Eruli 476 / 493
Regno d'Italia degli Ostrogoti 493 / 553
Esarcato di Ravenna 552/754
Regno dei Longobardi 568/ 774
Regno d'Italia 774/1805
 
Arcicancellieri per l'Italia 1688/1803

 

----------------------------------------------------------------

Stati Italiani pre unitari e ex Colonie
 

 

Africa Orientale Italiana
Dalmazia
Ducato di Guastalla
Ducato di Lucca
Ducato di Mantova
Ducato di Massa Carrara
Ducato di Modena
Ducato di Parma
Ducato di Savoia
Ducato di Torino
Emirato di Cirenaica
Firenze
Granducato di Toscana
Impero di Abissinia 1270/1941
Impero di Etiopia 1941/1975
Isole Ionie
Milano
Napoli
Principato d'Elba
Principato di Benevento
Principato di Piombino
Provincia Italiana di Zara
Regno delle Due Sicilie
Regno di Sardegna
Regno di Sicilia
Regno d'Etruria
Regno d'Italia 476/1805
Regno d'Italia 1861/1946
Regno Italico 1805/1814
Regno Lombardo Veneto
Repubblica Cisalpina
Repubblica Cispadana
Repubblica Italiana 1802/1805
Repubblica Piemontese 1798/1800
Repubblica Sociale Italiana
Repubblica Subalpina 1800/1801
Repubblica Transpadana
Repubblica di Genova
Repubblica di Ragusa
Repubblica di Venezia
Signoria di Brescia
Siracusa
Somalia Italiana
Stato Libero di Fiume
Stato Pontificio
Sultanato del Fezzan
Sultanato di Tripolitania
Territorio Libero di Trieste


--------------------------------------------------------------------------------

Regno d'Italia 1861/1946
Presidenti del Consiglio dei Ministri 1861/1943
Presidenti del Consiglio dei Ministri 1943/1947

Presidenti del Comitato Centrale di Liberazione Nazionale (CCLN) 1943/1944
Presidente Comitato Liberazione Nazionale della Toscana (CTLN) 1943/1944
Presidenti Comitato Liberazione Nazionale dell'Alta Italia (CLNAI) 1943/1945


---------------------------------------------------------------------------------

Repubblica Sociale Italiana 1943/1945
Capo di Stato, di Governo e Ministro degli Esteri 1943/1945
Plenipotenziario tedesco 1943/1945
Comandanti in Capo tedeschi della Zona Militare del Sudovest 1943/1945
Comandante del Gruppo di Armate B 1943/1945
Ambasciatori tedeschi 1943/1945
Plenipotenziario e Alto Capo della SS e Capo della Polizia 1943/1945
Capo dell'Amministrazione Militare 1943/1945
Ministri degli Interni 1943/1945
Sottosegretari di Stato agli Affari Esteri 1943/1945
Ministro delle Difesa (dal 1944 delle Forze Armate) 1943/1945
Sottosegretario di Stato per l'Esercito 1944/1945
Sottosegretari di Stato per la Marina 1943/1945
Sottosegretari di Stato per l'Aeronautica 1943/1945
Ministri dell'Interno 1943/1945
Ministri della Giustizia 1943/1945
Ministro degli Scambi e Valute (Finanze) 1943/1945
Ministri dell' Economia Corporativa 1943/1945
Ministro dei Lavori Pubblici 1943/1945
Ministro delle Comunicazioni 1943/1945
Ministro del Lavoro 1945
Ministro della Educazione Nazionale 1943/1945
Ministro della Cultura Popolare 1943/1945
Segretario Nazionale del P.F.R. 1943/194
5

 

---------------------------------------------------------------

 


 

Repubblica Italiana dal 1946

 

Capi Provvisori dello Stato 1946/1948
Presidenti della Repubblica dal 1948
Presidenti del Consiglio dei Ministri dal 1946

 

---------------------------------------------------------------

 

Palazzi del Potere
Palazzi del Governo
Palazzi di Giustizia

---------------------------------------------------------------

Capi del Governo Militare Alleato (AMGOT) 1943/1947
Capi Commissari della Commissione Alleata di Controllo 1943/1947

Governatori Militari dei Territori Occupati 1943/1947
Governatori Militari Yugoslavi Alleati Zona B di Trieste 1947/1954 

Repubbliche Partigiane

Governatori Militari Alleati Zona A di Trieste 1947/1954

 

---------------------------------------------------------------

 

Parlamenti

Presidenti della Camera dei Deputati del Regno di Sardegna 1848/1861
Presidenti della Camera dei Deputati del Regno d'Italia 1861/1939
Presidenti Camera dei Fasci e Corporazioni del Regno d'Italia 1939/1943
Presidenti della Consulta Nazionale del Regno d'Italia 1945/1946
Presidenti dell'Assemblea Costituente del Regno d'Italia 1946/1948
Presidenti della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana dal 1948
Presidenti del Senato del Regno di Sardegna 1848/1860
Presidenti del Senato del Regno d'Italia 1861/1946
Presidenti del Senato della Repubblica Italiana dal 1948
Senatori a vita del Senato della Repubblica
Senatori di diritto del Senato della Repubblica


---------------------------------------------------------------------


Presidenti della Corte Costituzionale dal 1956

---------------------------------------------------------------


Governatori della Banca d'Italia dal 1893


---------------------------------------------------------------------


Ministri degli Esteri dal 1732

 


Ministri dell'Interno dal 1819

 

 

Ministri della Difesa dal 1843
Ministri della Marina dal 1860
Ministri dell'Aeronautica dal 1925
Capi di Stato Maggiore della Difesa dal 1925
Capi di Stato Maggiore dell'Esercito dal 1925
Capi di Stato Maggiore della Marina dal 1943
Capi di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare dal 1926
Comandanti Generali dell'Arma dei Carbinieri dal 1814
Capi di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri dal 1861
Capi della Polizia di Stato dal 1878
Comandanti Generali della Guardia di Finanza dal 1907
Santi protettori delle Forze Armate italiane
Forze Armate
Esercito
Marina Militare
Aeronautica Militare
Carabinieri

 

----------------------------------------------------------------

 

Ministri della Giustizia dal 1861
Ministri della Pubblica Istruzione 1847/1929
Ministri dell'Educazione Nazionale 1929/1944
Ministri della Pubblica Istruzione dal 1944
Ministri dei Beni Culturali dal 1974
Ministri del Tesoro 1877/2001
Ministri dell'Economia e Finanze dal 2001


------------------------------------------------------------------

 

Regioni, Provincie, Comuni, Prefetti, Vescovi

------------------------------------------------------------------

Regioni:

 

ABRUZZO
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
CAMPANIA città
EMILIA ROMAGNA
EMILIA ROMAGNA città
FRIULI VENEZIA GIULIA
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIALOMBARDIA città
LOMBARDIA bandiere
MARCHE
MOLISE
PIEMONTE
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
SICILIA città
TOSCANA
TOSCANA città
TRENTINO ALTO ADIGE
UMBRIA
VALLE D'AOSTA
VENETO

 

Regioni ~ Provincie ~ Comuni: dati statistici

 

 

Palazzi delle Regioni

----------------------------------------------------------------

 

Indice Alfabetico dei Comuni:   Sindaci, Podestà, Commissari, Amministratori

Sicilia ~ Siracusa

Municipi  AF   GM   NR   ST   UZ


----------------------------------------------------------------

 

Presidenti delle Provincie

 

A D
E L
M R
S Z

 

Palazzi delle Provincie

----------------------------------------------------------------

 

Prefetti

 

----------------------------------------------------------------

 

Diocesi

------------------------------------------------------------------

 

Organizzazioni Imprenditoriali
Organizzazioni Sindacali

-----------------------------------------------------------------

Stampa

 

----------------------------------------------------------------

 

Cosa Nostra

 

----------------------------------------------------------------

 

Le Colonie

----------------------------------------------------------------

 

Foto dei Sovrani del Regno d'Italia
Foto dei Presidenti della Repubblica
Foto dei Presidenti del Consiglio dei Ministri


----------------------------------------------------------------

 

Costituzioni 1797/1948

 

Costituzione della Repubblica Cisalpina 1797
Costituzione della Repubblica Cispadana 1797
Costituzione della Repubblica Cisalpina 1798
Costituzione della Repubblica Cisalpina 1800
Costituzione della Repubblica Italiana 1802

 


Primo Statuto Costituzionale 1805
Secondo Statuto Costituzionale 1805
Terzo Statuto Costituzionale 1805
Quarto Statuto Costituzionale 1806
Quinto Statuto Costituzionale 1807
Sesto Statuto Costituzionale 1808
Settimo Statuto Costituzionale 1808
Ottavo Statuto Costituzionale 1810
Nono Statuto Costituzionale 1810

Statuto Albertino 1848
Repubblica Sociale Italiana 1943
Repubblica Italiana 1948

 


----------------------------------------------------------------


Leggi Elettorali e Parlamenti

 

----------------------------------------------------------------

 

Partiti politici:

Centrodestra
Centrosinistra
Comunisti
Democristiani
Destra
Socialisti

 

----------------------------------------------------------------

 

I Dati
Le Date

Le Capitali
I Nomi
Inno Nazionale
Inni Nazionali fino al 1947
Organizzazioni Internazionali
Storia delle bandiere

Bandiere dei Comuni

Loghi

Sources
 

Festa Nazionale: 2/6/1948 Festa della Repubblica
Festa Nazionale fino al 1946: 11 novembre (1869) compleanno di Vittorio Emanuele III
Costituzione: 1/1/1948
Statuto Albertino: 4/3/1848-2/6/1948

 

Indirizzi Web:
Presidenza della Repubblica
Parlamento Italiano
Camera dei Deputati
Presidenza del Consiglio dei Ministri
Senato delle Repubblica
Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT)


up


-
Inno Nazionale:  Inno di Mameli

adottato nel 1947

Fratelli d'Italia
(Lyrics by Goffredo Mameli)



Goffredo Mameli
(1827 - 1849)

 


Michele Novaro
(1822 - 1885)


Italiano
inglese
spagnolo


-
Fratelli d'Italia,
l'Italia s'e' desta,
dell'elmo di Scipio
s'e cinta la testa.
Dov'e la vittoria?
Le porga la chioma,
che schiava di Roma
Iddio la creò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l'Italia chiamò.
Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l'Italia chiamò, si' !

Noi fummo da secoli
calpesti, derisi,
perche' non siam popoli,
perche' siam divisi.
Raccolgaci un'unica
bandiera, una speme:
di fonderci insieme
già l'ora suonò.

Uniamoci, uniamoci,
l'unione e l'amore
rivelano ai popoli
le vie del Signore.
Giuriamo far libero
il suolo natio:
uniti, per Dio,
chi vincer ci può?


 

in english:   

Italian brothers,
Italy has arisen,
With Scipiòs helmet
binding her head.
Where is Victory?
Let her bow down,
For God has made her
The slave of Rome.
Let us gather in legions,
Ready to die!
Italy has called!

We for centuries
Have been downtrodden and derided,
Because we are not a people,
Because we are divided.
Let one flag, one hope
Bring us together;
The hour has struck
For us to join forces.
Let us gather in legions,
Ready to die!
Italy has called!

Let us unite and love one another;
For union and love
Reveal to peoples
The way of the Lord
Let us swear to free
Our native soil;
If we are united under God,
Who can conquer us?
Let us gather in legions,
Ready to die!
Italy has called!

From the Alps to Sicily,
Everywhere it is Legnano;
Every man has the heart
and hand of Ferruccio.
The children of Italy
Are all called Balilla;
Every trumpet blast
Sounds the (Sicilian) Vespers.
Let us gather in legions,
Ready to die!
Italy has called!

Mercenary swords
Are feeble reeds,
And the Austrian eagle
Has lost his plumes.
This eagle that drunk the blood
of Italy and Poland,
togheter with the Cossack,
But this has burned his gut.
Let us gather in legions,
Ready to die!
Italy has called!


 

en español  


Hermanos Italianos,
Italia ha despertado,
corona su cabeza
con el casco de Scipio.
¿Donde está la Victoria?
ella inclina su cabeza hacia ti,
tú, a quien Dios creó
como el esclavo de Roma.

Agrupemosnos,
estamos listos para morir,
estamos listos para morir,
Italia nos ha llamado.

up

Cronologia  

 

Capi Provvisori dello Stato 1946/1948

Alcide de Gasperi

acting

18/6/1946

1/7/1946

Enrico de Nicola

1/7/1946

1/1/1948


up  

 

Presidenti della Repubblica dal 1948

Enrico de Nicola



1/1/1948

12/5/1948

Luigi Einaudi




 12/5/1948

11/5/1955

Giovanni Gronchi






 11/5/1955

11/5/1962

Antonio Segni


 11/5/1962

6/12/1964

Cesare Merzagora (acting)




6/12/1964

29/12/1964

Giuseppe Saragat


 29/12/1964

29/12/1971

Giovanni Leone





 29/12/1971

15/6/1978

Amintore Fanfani (acting)

15/6/1978

9/7/1978

Sandro Pertini


 9/7/1978

29/6/1985

Francesco Cossiga

 29/6/1985

28/4/1992

Giovanni Spadolini (actiong)

28/4/1992

28/5/1992

Oscar Luigi Scalfaro


28/5/1992

15/5/1999

Nicola Mancino (acting)

15/5/1999

18/5/1999

Carlo Azeglio Ciampi

18/5/1999

15/5/2006

Giorgio Napolitano



15/5/2006

14/1/2015

    Pietro Grasso (acting)
  
     14/1/2015  31/1/2015 
Sergio Mattarella
    3/2/2015  


up 


Presidenti del Consiglio dei Ministri dal 1946

alcide de gasperi

24/11/1945

17/8/1953

giuseppe pella

17/8/1953

18/1/1954

amintore fanfani

18/1/1954

10/2/1954

mario scelba




10/2/1954

6/7/1955

antonio segni

6/7/1955

19/5/1957

adone zoli

19/5/1957

1/7/1958

amintore fanfani

1/7/1958

15/2/1859

antonio segni

15/2/1859

25/3/1960

fernando armaroli tambroni

25/3/1960

26/7/1960

amintore fanfani

26/7/1960

21/6/1963

giovanni leone

21/6/1963

4/12/1963

aldo moro

4/12/1963

24/6/1968

giovanni leone

24/6/1968

14/12/1968

mariano rumor

14/12/1968

7/8/1970

emilio colombo

7/8/1970

17/2/1972

giulio andreotti

17/2/1972

8/7/1973

mariano rumor

8/7/1973

22/11/1974

aldo moro


Aldo Moro

22/11/1974

29/7/1976

giulio andreotti

29/7/1976

10/8/1979

francesco cossiga

10/8/1979

10/10/1980

arnaldo forlani

10/10/1980

28/6/1981

giovanni spadolini


28/6/1981

1/12/1982

amintore fanfani

1/12/1982

4/8/1983

bettino craxi

4/8/1983

18/4/1987

amintore fanfani

18/4/1987

29/7/1987

giovanni goria
08 goria

29/7/1987

13/4/1988

ciriaco de mita

13/4/1988

23/7/1989

giulio andreotti

23/7/1989

28/6/1992

giuliano amato

28/6/1992

29/4/1993

carlo azeglio ciampi

29/4/1993

11/5/1994

silvio berlusconi

11/5/1994

17/1/1995

lamberto dini

17/1/1995

16/5/1996

romano prodi

16/5/1996

21/10/1998

massimo d'alema

21/10/1998

28/4/2000

giuliano amato

19/4/2000

11/06/2001

silvio berlusconi

11/06/2001

17/5/2006

Romano Prodi

17/5/2006

8/5/2008

Silvio Berlusconi


 

8/5/2008

16/11/2011

Mario Monti

16/11/2011

27/4/2013

Enrico Letta

28/4/2013

22/2/2014

Matteo Renzi
22/2/20142016
Paolo Gentiloni
Risultati immagini per stefano gentiloni
12/12/2016 


7 Giulio Andreotti
6 Amintore Fanfani
5 Aldo Moro - Mariano Rumor
4 Alcide de Gasperi
4 Silvio Berlusconi
2 Antonio Segni - Giovanni Leone - Francesco Cossiga - Giovanni Spadolini - Bettino Craxi - Giuliano Amato - Massimo D'Alema
Romano Prodi
1 Giuseppe Pella - Mario Scelba - Adone Zoli - Fernando Tambroni - Emilio Colombo - Arnaldo Forlani - Giovanni Goria - Ciriaco De Mita - Carlo Azeglio Ciampi - Lamberto Dini - Mario Monti - Enrico Letta
Matteo Renzi
Paolo Gentiloni


up

 

 

Capi del Governo Militare Alleato (AMGOT) 1943/1947

11 Jun 1943

 8 Jan 1944

 Dwight D. Eisenhower (U.S.)
Dwight D. Eisenhower

8 Jan 1944

 12 Dec 1944

 Sir Henry Maitland Wilson (U.K.)

12 Dec 1944

29 Sep 1945

 Sir Harold Alexander (U.K.)
Sir Harold Alexander

29 Sep 19451945Joseph Taggart McNarney (US)

1945

  1947

 William Duthie Morgan (U.K.)
Portrait, c. 1951

194731 Dec 1947John Clifford Hodges Lee (US)


up 



Capi Commissari della Commissione Alleata di Controllo 1943/1947
(dal 24/10/1944 Commissione Alleata)

10 Nov 1943

 16 Jan 1944

 Kenyon A. Joyce (U.S.)

16 Jan 1944

 Jun 1944

 Sir Nole Mason Macfarlane (U.K.)

Jun 1944

 31 Jan 1947

 Ellery W. Stone (U.S.)

27 Oct 1944

 31 Jan 1947

 Maurice Harold McMillan (U.K.)

(acting per Stone)


up 

 

Governatori Militari dei Territori Occupati 1943/1947

10 Jul 1943  11 Dec 1944 Sir Harold Alexander (UK)
Sir Harold Alexander
11 Dec 1944  17 Sep 1947 Mark Wayne Clark (US)



up 



Repubbliche Partigiane


Alto Monferrato (Sep 1944- 2 Dec)
Alto Tortonese(Sep-Dec)
Bobbio e Torriglia (7 Jul - 27 Aug)
Cansiglio (Jul-Sep)
Carnia (Jul-Oct)
Friuli Orientale (30 Jun - Sep)
Imperia (Aug-Oct)
Langhe (Sep-Nov)
Montefiorino (17 Jun - 1 Aug)
Val Ceno (10 Jun - 11 Jul)
Val d'Enza e Val Parma (Jun-Jul)
Val Maira e Val Varaita (Jun - 21 Aug)
Val Taro (15 Jun - 24 Jul)
Valli di Lanzo (25 Jun - Sep)
Valsesia (11 Jun - 10 Jul)
Varzi (Sep - 29 Nov)

 

 

 

Repubblica dell'Ossola

(sede a Domodossola e unica repubblica partigiana riconosciuta dagli Alleati e dalla Svizzera)



Le Date:

10/9/1944
costituzione della Libera Repubblica dell'Ossola presso il Lago Maggiore con Cannoba, Intra, Verbania, Omegna e Domodossola con 35 municipalità lungo il confine svizzero

23/10/1944
i tedeschi dissolvono la Repubblica

Presidente della Giunta Provvisoria dell'Ossola 1944

10 Sep 1944  23 Oct 1944 Ettore Tibaldi




up 



Governatori Militari Alleati Zona A di Trieste 1947/1954

02 May

 Jul 1945

 Bernard Cyril Freyberg (New Zealand)

Jul 1945

 Jul 1947

Alfred Connor Bowman (US)

Jul

 16 Sep 1947

James John Carnes

16 Sep 1947

 31 Mar 1951

Sir Terence Sydney Airey (UK)

01 Apr 1951

 26 Oct 1954

Sir Thomas Willoughby Winterton (UK)

 

up 

 

 

Governatori Militari Yugoslavi Alleati Zona B di Trieste 1947/1954 

01 May 1945  Sep 1947 Dušan Kveder
15 Sep 1947  Mar 1951 Mirko Lenac
Mar 1951  25 Oct 1954 Miloš Stamatovic

 

up

 
 


I Dati:

.superficie: 301.337 kmq.
.popolazione: 58.147.000

.forma di governo:  Repubblica

.capo di stato:  Presidente della Repubblica
eletto per 7 anni (rieleggibile) dal Parlamento in seduta comune integrato da 3 membri per ciascuna regione eletti dai Consigli Regionali (la Valle d'Aosta ha 1 membro) a maggioranza dei 2/3 per i primi 2 scrutini, a maggioranza semplice dal 3 scrutinio.   

.capo di governo:  Presidente del Consiglio dei Ministri
nominato dal Capo dello Stato ma deve avere la fiducia del parlamento

.parlamento: Camera dei Deputati
composto da 630 membri eletti a suffragio universale diretto ogni 5 anni e Senato composto da 315 membri eletti ogni 5 anni a suffragio universale diretto  su base regionale (ogni Regione deve avere almeno 7 Senatori, la Valle d'Aosta ne ha 1 e il Molise 2); sono membri del Senato anche gli ex Presidenti della Repubblica e i senatori a vita (nominabili in numero massimo di 5 da ogni Capo dello Stato).


.capitale:  Roma 2.726.000 ab.
(
Dal latino Ruo: Scorrere; dall'etrusco Ruma: Mammella in riferimento alla leggenda di Romolo e Remo o al Palatino; dal greco Ρώμη: Forza; dall'etrusco Rumon: Fiume; da "Roma" una ragazza maga troiana secondo il poeta Stesicoro)

.divisione amministrativa: 20 regioni, 110 provincie, 8.101 comuni

.città:
Milano (1.507.877); Napoli (1.204.021); Torino (1.030.000); Palermo (734.238); Genova (731.484); Bologna (493.639)

.popoli: 96% Italiani; 0,9% nord africani; 0,8% italo albanesi; 0,5% albanesi; 0,4% tedeschi;  0,4% austriaci; italo greci e francesi 1%

.lingua ufficiale: Italiano

.religione ufficiale: nessuna

.religioni: 79,6% cattolici; 13,2% non credenti; 1,2% musulmani; protestanti, ebrei e altri 6%

.unità monetaria:  Euro  = 100 centesimi  (1862 - 31/12/2001 Lira = 100 centesimi)

-----

Punti estremi della Repubblica

Nord 47° 05' 29'',0 Latitudine Nord
Testa Gemella Occidentale (Alpi Aurine),
2.837 m s.l.m
Sud 35° 29' 26'',2 Latitudine Nord
Punta Pesce Spada - Lampedusa (Pelagie incluse)
36° 38' 35'',6 Latitudine Nord
Capo dell'Isola delle Correnti (Pelagie escluse)
Ovest 6° 37' 32'',1 Longitudine E Greenwich
Est 18° 31' 13'',7 Longitudine E Greenwich
Estremità di capo d'Otranto
 
----

Monti principali in m.

ALPI
Monte Bianco (Alpi Graie) 4.807
Monte Rosa (Alpi Pennine) 4.637
Monte Cervino (Alpi Pennine) 4.478
Gran Paradiso (Alpi Graie) 4.061
Pizzo Bernina (Alpi Retiche) 4.050
Ortles (Alpi Retiche) 3.905
Monviso (Alpi Cozie) 3.841
Palla Bianca (Alpi Venoste) 3.736
Adamello 3.554

APPENNINI
Gran Sasso (App. Abruzzese) 2.912
La Maiella (App. Abruzzese) 2.795
Velino (App. Abruzzese) 2.487
Vettore (App. Umbro-March.) 2.476
Sirente (App. Abruzzese) 2.349
Pollino (App. Lucano) 2.248
La Meta (App. Abruzzese) 2.241
Cimone (App. Tosco-Emiliano) 2.165
Miletto (App. Campano) 2.050

 

-----

Fiumi principali in km.

Po 652
Adige 410
Tevere 405
Adda 313
Oglio 280
Tanaro 276
Ticino 248
Arno 241
Piave 220
Reno 211
Sarca-Mincio 194
Volturno 175
Secchia 172
Tagliamento 170
Ombrone 161
Brenta 160
Dora Baltea 160
Liri-Garigliano 158
Tirso 150
Basento 149


------

Vulcani in m.

Etna (Sicilia) 3.323
Vesuvio (Campania) 1.281
Stromboli (Is. Eolie - Sicilia) 924
Vulcano (Is. Eolie - Sicilia) 391

 

-----

Laghi principali in kmq profondità in m.

Garda (Benaco) 370 346
Maggione (Verbano) 212,2 372
Como (Lario) 145,9 410
Trasimeno 128 6
Bolsena (Vulsino) 114,5 146
Iseo (Sebino) 60,5 6
Varano 606 606
Bracciano (Sabatino) 57,5 160
Lésina 51,4 2
Lugano (Ceresio) 50,5 288


-----

Isole principali in km.

Sicilia 25.426,2
Sardegna 23,812,6
Elba 223,5
Sant'Antioco 108,9
Pantelleria 83
San Pietro 51,3
Asinara 50,9
Ischia 46,4
Lipari 37,3
Salina 26,1
Giglio 21,2
Vulcano 20,9
Lampedusa 20,2
La Maddalena 20,1
Favignana 19,8
Capraia 19,3
Caprera 15,8
Marettimo 12,3
Stromboli 12,2
Capri 10,4

 

-----

Litorali peninsulari e insulari in km.

Liguria 342,6
Toscana 578,1
Lazio 327,3
Campania 460,2
Calabria 741,8
Sicilia 1.500,1
Sardegna 1.849,2
Basilicata 60,6
Puglia 829
Abruzzo 129,1
Molise 37,8
Marche 173,1
Emilia Romagna 135,6
Veneto 195,1
Friuli Venezia Giulia 96,8
Totale 7.456,4

 

 

Comuni più Grandi per Superficie:

Comune

Provincia

Superficie

Roma

 Roma

1.285

Ravenna

 Ravenna

652

Cerignola

 Foggia

593

Noto

 Siracusa

550

Sassari

 Sassari

546

Monreale

 Palermo

529

Gubbio

 Perugia

525

Foggia

 Foggia

507

Grosseto

 Grosseto

474

L'Aquila

 L'Aquila

466

Perugia

 Perugia

449

Ragusa

 Ragusa

442

Altamura

 Bari

427

Caltanissetta

 Caltanissetta

416

Venezia

 Venezia

412

Andria

 Barletta-Andria-Trani

407

Viterbo

 Viterbo

406

Ferrara

 Ferrara

404

Matera

 Matera

388

Città di Castello

 Perugia

387

Arezzo

 Arezzo

386

Caltagirone

 Catania

382

Gravina in Puglia

 Bari

381

Olbia

 Olbia-Tempio

376

Manciano

 Grosseto

371

Enna

 Enna

357

Manfredonia

 Foggia

351

Spoleto

 Perugia

349

Cortona

 Arezzo

342

Lucera

 Foggia

338

Ascoli Satriano

 Foggia

334

San Severo

 Foggia

333

Brindisi

 Brindisi

328

Argenta

 Ferrara

311

Ramacca

 Catania

304

Sarentino

 Bolzano

302

Piazza Armerina

 Enna

302

Valbondione

 Bergamo

298

Butera

 Caltanissetta

295

Martina Franca

 Taranto

295

Mazzarino

 Caltanissetta

293

Mottola

 Taranto

292

Modica

 Ragusa

290

Roccastrada

 Grosseto

284

Comacchio

 Ferrara

283

Massa Marittima

 Grosseto

283

Orvieto

 Terni

281

San Giovanni in Fiore

 Cosenza

279

Tarquinia

 Viterbo

279

Latina

 Latina

277

Gela

 Caltanissetta

276

Mazara del Vallo

 Trapani

275

Norcia

 Perugia

274

Scansano

 Grosseto

273

Firenzuola

 Firenze

271

Trapani

Trapani

271

Fabriano

 Ancona

269

Arbus

Medio Campidano

266

Foligno

 Perugia

263

Irsina

 Matera

262

Parma

 Parma

260

San Giovanni Rotondo

 Foggia

259

Minervino Murge

 Barletta-Andria-Trani

255

Cortina d'Ampezzo

 Belluno

254

Volterra

 Pisa

252

Ozieri

 Sassari

252

Magliano in Toscana

 Grosseto

251

Bronte

 Catania

249

Cesena

 Forlì-Cesena

249

Malles Venosta

 Bolzano

246

Teulada

 Cagliari

245

Agrigento

 Agrigento

244

Mineo

 Catania

244

Valdidentro

 Sondrio

244

Genova

 Genova

243

Montalcino

Siena

243

Monte Sant'Angelo

 Foggia

242

Marsala

 Trapani

241

Castellaneta

 Taranto

239

Lecce

 Lecce

238

Pistoia

 Pistoia

236

Reggio di Calabria

 Reggio Calabria

236

Bagno di Romagna

 Forlì-Cesena

233

San Marco in Lamis

 Foggia

232

San Vito

 Cagliari

231

Pisticci

 Matera

231

Reggio nell'Emilia

 Reggio Emilia

231

Corleone

 Palermo

229

Forlì

 Forlì-Cesena

228

Urbino

 Pesaro e Urbino

228

Arzachena

 Olbia-Tempio

228

Orbetello

 Grosseto

227

Pomarance

 Pisa

227

Porto Tolle

 Rovigo

227

Caronia

 Messina

226

Cagli

 Pesaro e Urbino

226

Dorgali

 Nuoro

224

Alghero

 Sassari

224

Ostuni

 Brindisi

223

Sinnai

Cagliari

223

 


Censimenti

N° CensimentoDataSuperficie in km²Popolazione residentePopolazione presente
I31 dicembre 1861248.03222.182.37721.777.334
II31 dicembre 1871285.93027.303.50926.801.154
III31 dicembre 1881285.94828.953.48028.459.628
IV10 febbraio 1901285.94832.965.50432.475.253
V10 giugno 1911285.94835.845.04834.671.377
VI1 dicembre 1921310.14439.943.52837.932.120
VII21 aprile 1931310.07941.651.00041.176.671
VIII21 aprile 1936310.19042.943.60242.918.726
IX4 novembre 1951301.20147.515.53747.158.738
X15 ottobre 1961301.22450.623.56949.903.978
XI24 ottobre 1971301.25254.136.54753.770.371
XII25 ottobre 1981301.26356.556.91156.335.678
XIII20 ottobre 1991301.30256.778.03156.764.854
XIV21 ottobre 2001301.33856.995.74456.133.039
XV9 ottobre 2011301.34059.464.644 



Regione

1895

1911

1936

1943

Abruzzo

1,384,355

1,430,706

1,600,631

1,677,146

Basilicata

1,854,180

2,130,151

2,637,022

2,886,570

Calabria

546,600

474,021

543,262

584,240

Campania

1,338,264

1,402,151

1,771,651

1,907,953

Emilia-Romagna

3,128,223

3,311,990

3,698,695

3,991,409

Friuli-Venezia Giulia

2,292,097

2,681,201

3,339,058

3,472,017

Lazio

.

.

977,257

1,030,231

Liguria

1,019,198

1,302,423

2,647,088

3,063,203

Lombardia

976,654

1,197,231

1,466,915

1,535,976

Marche

4,032,668

4,790,473

5,836,342

6,190,361

Molise

973,807

1,093,253

1,278,071

1,330,774

Piemonte

.

.

.

.

Puglia

3,325,733

3,424,450

3,506,134

3,602,721

Sardegna

751,255

852,407

1,034,206

1,153,384

Sicilia

3,484,125

3,672,258

4,000,078

4,256,077

Trentino-Aalto Adige

.

.

669,029

660,825

Toscana

2,310,534

2,694,706

2,974,439

3,088,511

Umbria

604,987

686,596

725,918

765,711

Valle d'Aosta

.

.

.

.

Veneto

3,080,153

3,527,360

4,287,806

4,483,891

Totale

31,102,833

34,671,377

42,993,602

45,681,000



Regione

1951-11-04

1961-10-15

1971-10-24

1981-10-25

Abruzzo

1,684,030

1,461,000

1,166,694

1,217,791

Basilicata

3,220,485

3,312,000

3,582,787

3,871,617

Calabria

627,586

603,000

603,064

610,186

Campania

2,044,287

1,937,000

1,988,051

2,061,182

Emilia-Romagna

4,346,264

4,668,000

5,059,348

5,463,134

Friuli-Venezia Giulia

3,544,340

3,628,000

3,846,755

3,957,513

Lazio

1,226,121

1,165,000

1,213,532

1,233,984

Liguria

3,340,798

4,000,000

4,689,482

5,001,684

Lombardia

1,566,961

1,758,000

1,853,578

1,807,893

Marche

6,566,154

7,372,000

8,543,387

8,891,652

Molise

1,364,030

1,312,000

1,359,907

1,412,404

Piemonte

.

.

319,807

328,371

Puglia

3,518,177

3,949,000

4,432,313

4,479,031

Sardegna

1,276,023

1,373,000

1,473,800

1,594,175

Sicilia

4,486,749

4,634,000

4,680,715

4,906,878

Trentino-Alto Adige

728,604

783,000

841,886

873,413

Toscana

3,158,811

3,293,000

3,473,097

3,581,051

Umbria

803,918

780,000

775,783

807,552

Valle d'Aosta

94,140

102,000

109,150

112,353

Veneto

3,918,059

3,774,000

4,123,411

4,345,047

Totale

47,515,537

49,904,000

54,136,547

56,556,911




Regione

1991-10-20

2001-10-21

Abruzzo

1,249,388

1,262,392

Basilicata

591,897

597,768

Calabria

2,010,195

2,011,466

Campania

5,625,575

5,701,931

Emilia-Romagna

3,984,055

3,983,346

Friuli-Venezia Giulia

1,216,398

1,183,764

Lazio

5,145,763

5,112,413

Liguria

1,701,788

1,571,783

Lombardia

8,940,594

9,032,554

Marche

1,446,751

1,470,581

Molise

320,916

320,601

Piemonte

4,338,262

4,214,677

Puglia

3,970,525

4,020,707

Sardegna

1,645,192

1,631,880

Sicilia

4,989,871

4,968,991

Trentino-Aalto Adige

934,731

940,016

Toscana

3,599,085

3,497,806

Umbria

822,972

825,826

Valle d'Aosta

117,208

119,548

Veneto

4,452,667

4,527,694

Totale

57,103,833

56,995,744





up
  


Le Date:








I millennio a.C.
Arrivo dei popoli indoeuropei italici.

IX / VII a.C.
Predominio degli etruschi nell'Italia centrale.

VIII / V a.C.
Arrivo dei greci sulle coste meridionali della penisola e in Sicilia.

21/4/753 a.C.
Fondazione di Roma sulla riva sinistra del Tevere. Secondo la leggenda fu fondata dai gemelli Romolo e Remo, figli di Rea Silvia, figlia di Numitore, re di Alba. In particolare fu Romolo a fondare Roma sul colle Palatino. Tito Tazio e Romolo saranno i primi Re di Roma. La Monarchia terminerà nel 509 a.C.

735 a.C.
I greci di Corinto fondano una colonia sull'isoletta di Ortigia in Sicilia, la futura Siracusa.

509 a.C.
Trasformazione della Monarchia in Repubblica dominata inizialmente dai nobili patrizi e governata da 2 consoli eletti con mandati a termine.

499 a.C.
Le colonie ioniche greche si ribellano alla Persia.

498 – 493 a.C.
Guerra contro i Latini sconfitti al Lago Regillo nel 494.

494 a.C.
Secessione della plebe contro il potere dei patrizi. I plebei ottengono 2 tribuni e due edili nelle stanze del potere.

492 – 430 a.C.
Guerra contro i Volsci e gli Equi. Imprese epiche di Gneo Marcio Coriolano e Quinzio Cincinnato.

482 – 396 a.C.
Guerre contro gli Etruschi di Veio occupata da Furio
Camillo compreso tutto il territorio del Lazio.

449 a.C.
Pubblicazione delleLleggi delle XII tavole, duodecim tabularum leges, da parte dei Decemviri Legibus Scribundis per regolamentare il diritto romano privato e pubblico. Tutto deriverà nei millenni successivi da queste leggi.

415 – 413 a.C.
Spedizione ateniese in Sicilia contro Siracusa che resiste e vince.

390 a.C. – 360 a.C – 357 a.C.
Date delle tre invasioni delle tribù dei Celti chiamati dai romani Galli e provenienti dalla Gallia (Francia) e dalla Pianura Padana come i galli Taurini del Piemonte, gli Insubri del milanese, i Cenòmani tra i fiumi Oglio e Adige, i Boi nell'Emilia e i Sènoni nelle Marche. Questi ultimi guidati da Brenno conquistano Roma distruggendola. Le due successive invasioni furono invece respinte.

343 - 341 a.C.
Prima guerra sannitica contro i Sanniti del Sannio (Abruzzo) per la conquista della fertile Campania. In soccorso di Capua, scoppia la guerra vinta da Roma.

340 – 338 a.C.
Rivolta dei Latini sconfitti dai consoli Manluio Torquato e Decio Mure a Trifàno. La Campania è romana.

326 – 304 a.C.
Seconda guerra sannitica e sconfitta di Roma che si rivale nel 304 a.C. con Cursore che occupa la capitale dei sanniti Boviano e sconfigge i sanniti che devono riconoscere la Campania a Roma.

298 – 290 a.C.
Terza guerra sannitica condotta dai Sanniti, dagli Umbri, dagli Etruschi e dai Galli Sènoni alleati contro Roma che sconfisse gli etruschi a Volterra nel 298 a.C. e tutti gli eserciti coalizzati a Sentìno, in Umbria, nel 295 a.C. ottenendo il controllo di gran parte dell'Italia centrale.

282 – 272 a.C.
Guerra contro Taranto alleata di Pirro, re dell'Epiro. Pirro sconfigge i romani con i suoi 30.000 uomini e 20 elefanti a Eraclèa nel 280 a.C. e ad Ascoli Satriano nel 279 a.C. Roma alleata a Cartagine sconfigge Pirro nel 275 a.C. a Maleventum (rinominata dai vincitori Benevento). Taranto si arrese nel 272 a.C.. Roma padrona di tutta l’Italia peninsulare.

264 – 241 a.C.
Prima guerra punica contro Cartagine contraria alla presenza di Roma nella Magna Grecia e in Sicilia. Roma in soccorso dei Mamertini di Messina diede inizio alla guerra battendo i cartaginesi nella battaglia navale di Milazzo nel 260 a.C. e alle Egadi nel 241 a.C. La Sicilia è di Roma. Dal 238 a.C. Roma conquista anche la Corsica e la Sardegna. Cartagine occupa la Spagna entro il 227 con Amilcare Barca e Asdrubale.

219 - 202 a.C.
Seconda guerra punica. Il generale cartaginese Annibale attacca la città romana spagnola di Sagunto nel 219 e invade l'Italia battendo i romani al Lago Trasimeno nel 217 e, soprattutto, a Canne il 2 agosto 216. Il generale romano Scipione con l’alleato Massinissa, re dei numidi, sconfigge i cartaginesi comandati da Annibale a Zama nel 202. Roma ottiene la Spagna e un forte tributo.

229 – 227 a.C.
Roma conquista le terre adriatiche eliminando i pirati dell'Illiria.

224 – 223 a.C.
Roma sconfigge i galli a Talamone respingendoli nella così detta Gallia Cisalpina.

215 – 205 a.C 200-196 a.C. 171-168 a.C. 149-148 a.C.
Con quattro guerre contro la Macedonia. Roma sconfigge Filippo V nella battaglia di Cinocefale nel 197 a.C. e il 22 giugno 168 a.C. a Pidna. La Macedonia nel 146 a.C diventa una Provincia romana.

213 – 212 a.C.
Roma assedia e conquista Siracusa.

191 a.C.
Roma fonda la Gallia Cisalpina unificando l'Italia.

189 a.C.
La Siria è conquistata da Roma mentre Rodi e Pergamo sono sue alleate.

177 e 155-129 a.C.
Sottomissione degli Istri, dei Liguri e dei Dalmati.

159-138 a.C.
Attalo II re di Pergamo. Alla sua morte Roma eredita il suo regno.

155 a.C.
I romani assoggettano Istria e Dalmazia

149 – 146 a.C.
Terza guerra punica. Dopo che Cartagine dichiarò guerra a Massinissa nel 151 a.C., il generale romano Scipione Emiliano l’attaccò occupandola e distruggendola nel 146. L’Africa è romana. Il Mediterraneo diventa un dominio di Roma.


147 a.C.
Rivolta della Lega Achea, distruzione di Corinto e annessione della Grecia a Roma.

133 a.C.
Conquista della Bitinia, della Galazia e di Rodi. La Gallia Narbonenense (meridionale) è provincia romana.

121 a.C.
Costituzione della provincia della Gallia Transalpina.

112 a.C.
Guerra giugurtina contro Giugurta re di Numidia. Gaio Mario eletto console prende il comando dell’esercito e piega la Numidia nel 105 a.C. Gaio Mario sconfigge anche i Teutoni alle Aquae Sestiae nel 102 e i Cimbri nel 101 a Vercelli.

100 a.C.
Gaio Mario eletto per la sesta volta consecutiva console.

91-88 a.C.
Guerra Sociale tra Roma e i Municipia ribellatasi al potere dei consoli. Nell’89 a.C. la Lex Plautia Papiria estese la cittadinanza romana a tutti gli italici.

88-87 a.C.
Il console Lucio Cornelio Silla difende gli interessi dell’aristocrazia contro Gaio Mario che con uno stratagemma gli soffia il comando dell’esercito contro il re del Ponto Mitridate VI. Guerra Civile tra gli ottimati di Lucio Cornelio Silla e i populares o mariani del console Gaio Mario. Silla rientra a Roma mentre Gaio Mario deve andare in esilio.

87-82 a.C.
Gaio Mario riprende il controllo di Roma con Lucio Cornelio Cinna. Mario muore nell’86 e Cinna nell’84. Silla intanto sottomette la Grecia e rientra a Roma nell’84 e con Gneo Pompeo Magno sconfigge a Porta Collina i così detti populares.

83-79 a.C.
Dittatura di Silla.

78-70 a.C.
Il potere rimane agli aristocratici..

74-63 a.C.
Seconda guerra mitridatica. Roma incorpora il Ponto e la Bitinia

70-60 a.C.
Il consolato di Pompeo e Crasso interrompe il potere degli aristocratici.

63 a.C.
La Palestina sottomessa a Roma.

60 a.C.
Triumvirato di Cesare, Pompeo e Crasso. Dal 58 al 53 a.C. Cesare conduce le legioni in Gallia, in Germania e in Britannia. Crasso muore a Carre durante la guerra contro i Parti.


58 a.C.
Caio Giulio Cesare sottomette la Gallia.

52 a.C.
Rivolta di Vercingetorige e battaglia di Alesia vinta da Cesare. Pompeo è console unico.

49 – 48 a.C.
Cesare esautorato da Pompeo e dal senato passa il Rubicone. Pompeo è sconfitto da Cesare a Farsalo nel 48. Si rifugia in Egitto ma è ucciso da Tolomeo XIV. Cesare sottomette anche l’Egitto insediandovi sul trono Cleopatra.

46 a.C.
Cesare eletto dittatore per dieci anni.

44 a.C.
Cesare, accusato di essere diventato un dittatore a vita, è assassinato in una congiura. Ottaviano suo nipote e figlio adottivo, alleato di Antonio e di Lepido prende il potere nel 43 con il secondo triumvirato. Gli assassini di Cesare, Bruto e Cassio sono sconfitti da Antonio nel 42 a Filippi. Antonio prende il controllo delle provincie orientali, Lepido sull’Africa, Ottaviano sull’occidente ma formalmente l’Italia rimaneva al di fuori della spartizione.

32-31 a.C.
Ottaviano e Antonio in guerra per la conquista del potere. Ottaviano sconfigge Antonio ad Azio il settembre del 31.

30 a.C.
Roma sottomette l’Egitto.

16/1/27 a.C. – 14 d.C.
Fondazione del Principato con Augusto proclamato imperatore dal Senato il 16 gennaio 27. Dal 23 ottiene la Tribunicia Potestas e l'Imperium proconsulare a vita che gli garantiscono i privilegi dei tribuni e il controllo delle province. Dal 12 a.C. Pontifex Maximus dopo la morte di Marco Emilio Lepido.

27 a.C. – 68 d.C
Dinastia Giulio-Claudia con gli imperatori Tiberio fino al 36, Caligola fino al 41, Claudio fino al 54 e Nerone fino al 68 sarà accusato di aver voluto l’incendio di Roma nel 64. Conquista della Britannia nel 43, della Tracia nel 46.

68-69
Con Galba, Otone e Vitellio inizia l’anarchia sulla successione a imperatore.

69-96
Dinastia Flavia con Vespasiano imperatore fino al 79, Tito fino all’81 e Domiziano fino al 96. Sotto Vespasiano fu assoggettata la Giudea e conquistata Gerusalemme.

96-192
Dal 96 si susseguono imperatori d’adozione cioè scelti dai propri predecessori non tra i propri familiari. Nerva fino al 98. Poi Traiano fino al 117 estenderà l’impero assoggettando la Dacia nel 105, l’Arabia nel 106, la Partia nel 117 e quindi l’Armenia, la Siria, Mesopotamia. Adriano sarà imperatore fino al 138 e fortificherà il confine settentrionale in Britannia, sul Reno e sul Danubio. Antonino Pio sarà imperatore fino al 161, Marco Aurelio fino al 180 e Commodo fino al 192.

193- 235
Dinastia dei Severi dal 193 al 235. L’imperatore Caracalla riconosce la cittadinanza romana a tutti i provinciali liberi nel 212.

235-284
Anarchia politica e decadenza economica dell'impero con imperatori eletti e abbattuti come birilli.

284-305
Diocleziano, imperatore, fonda nel 286 la Diarchia dividendo per la prima volta il potere con un secondo Augusto, Massimiano, cui affidò l’amministrazione dell’Occidente a Milano, tenendo per se l’Oriente a Nicomedia.

293 - 305
Diocleziano estende la Diarchia e fonda la Tetrarchia suddividendo il potere dei due Augusti con altrettanti Cesari decretando, di fatto, la scomposizione dell’Impero tra occidente e oriente.

305-324
Anarchia amministrativa con cinque imperatori che governano contemporaneamente: Costanzo Cloro 305-306, Galerio 305-311, Massimino Daia 308-311, Licinio 308-324 e Costantino I 306-337 •

306-337
Costantino I nel 324 unico imperatore dell’Impero Romano sposta nel 330 la capitale dell'impero a Bisanzio rinominata Costantinopoli.

11/5/330
L’imperatore Costantino trasferisce la capitale a Bisanzio che fu rinominata, in onore dell’imperatore, Costantinopoli. Nel 313 con l’Editto di Milano concede la libertà di culto dei cristiani dell’Impero Romano.

337-395
Dinastia Costantiniana e con i tre imperatori valentiniani si completa e conclude l’unicità dell’impero romano.

379 - 17/1/395
Teodosio è l’ultimo imperatore unico di Roma. Alla sua morte nel 395 l’impero è diviso tra i suoi due figli Onorio e Arcadio. Il primo ebbe l’Impero Romano d'Occidente con capitale Milano (dal 402 Ravenna), il secondo l’Impero Romano d'Oriente con capitale Costantinopoli (Bisanzio).

406 / 456
Invasioni di popoli barbari: visigoti, burgundi e unni.

4 settembre 476
Caduta dell’Impero Romano d’Occidente con la deposizione dell’ultimo imperatore Romolo Augusto da parte del re degli Eruli Odoacre, un generale romano di origini barbare ignote, che invia all’imperatore romano d’Oriente Zenone le insegne imperiali divenendo di fatto Re d’Italia.

493 / 553
Regno degli Ostrogoti.

529 - 534
Corpus Iuris Civilis dell’imperatore Giustiniano I, raccolta e riordino del diritto romano.

553 / 751
Guerra gotica e riconquista bizantina della penisola fino alla Padania.

568 / 774
Arrivo dei popoli Longobardi che conquistano il Veneto, la Lombardia, l’Emilia, la Toscana, Spoleto e Benevento. I Bizantini controllano Trieste e l’Istria.

603
I Longobardi si convertono al cristianesimo.

643
I longobardi mettono per iscritto le loro leggi con l’Editto di Rotari.

697 – 12 maggio 1797
Nascita della Repubblica di Venezia.

728
Con la donazione di Sutri nasce lo stato della chiesa costituito ufficialmente nel 751.

774 / 951
Il re franco Carlo Magno conquista l'Italia longobarda e fonda nel 781 il regno italico.

25 dicembre 800 – 6 agosto 1806
Carlo Magno fonda il Sacro Romano Impero.

810
Venezia si rende indipendente dai franchi.

827 / 902
Conquista araba della Sicilia.

839
Amalfi grande repubblica marinara

932
Le regioni dalmate e l’Istria si legano a Venezia.

951 / 1024
Gli imperatori germanici di Sassonia Re d’Italia.

958
Genova grande repubblica marinara.

1030 / 1061
Regno normanno nell'Italia meridionale e in Sicilia.

1024 / 1266
I re di Svevia dominano l'Italia meridionale.

1052
Pisa caccia gli arabi dalla Sardegna.

1054
Scisma d’Oriente, divisione della Chiesa Cattolica Romana dalle chiese ortodossi orientali.

1076 / 1122
Lotta delle investiture.

1081
Pisa grande repubblica marinara.

1082
Venezia in grande espansione nel Mediterraneo e in Europa.

25 dicembre 1130 – 1816
Nascita del Regno di Sicilia sotto la dinastia normanna degli Hauteville.

1137 / 1139
I bizantini cacciati definitivamente dall'Italia meridionale.

1152 / 1183
I Comuni sconfiggono l'Impero e ottengono l'indipendenza.

29 maggio 1176
Nella battaglia di Legnano i comuni riuniti nella Lega Lombarda sconfiggono le truppe imperiali dell’imperatore Federico Barbarossa.

marzo 1179
Il Terzo Concilio del Laterano stabilisce che solo i cardinali possono eleggere il papa.

25 giugno 1183
Pace di Costanza, Federico I Barbarossa riconosce la Lega Lombarda e l’autonomia dei comuni.

1186 / 1250
I Comuni e il papa (i così detti guelfi) alleati contro l'impero (i così detti ghibellini) a difesa della propria indipendenza. I Guelfi prendevano il nome dalle casate bavaresi e sassoni dei Welfen e degli Hohenstaufen signori del castello di Waiblingen o Wibeling.

1202-1380
Trieste annessa a Venezia.

1250 / 1268
Gli Anjou di Francia cacciano gli Svevi da Napoli.

1282 / 1302
Cacciata degli Anjou dalla Sicilia. La corona passa al Regno di Aragona.

1284 / 1298
Genova, grande potenza marinara.

1287 / 1402
Milano si afferma come una grande signoria.

1300
La lingua così detta volgare adottata come lingua ufficiale nelle corti degli stati italiani al posto del latino.

31/8/1302
Dopo la Pace di Caltabellotta divisione del Regno di Sicilia tra Carlo II d'Anjou, a Napoli e Federico III d'Aragona in Sicilia.

1309 – 1377
La sede del Papato si sposta ad Avignone.

1339 / 1405
Venezia che si espande sul Veneto.

1343 / 1440
Espansione dei Savoia verso Nizza (1388), Piemonte e Monferrato.

1358
Ragusa grande repubblica marinara.

30 settembre 1382
Con l’Atto di Dedizione Trieste lega il proprio destino a quello degli Asburgo d’Austria piuttosto che a quello di Venezia.

1385 – 1402
Splendore e grandezza della signoria di Milano.

1418 / 1441
Venezia annette Bergamo e Piacenza.

1423 / 1442
L'Aragona conquista Napoli e la Sardegna nel 1442.

1434
Dinastia dei Medici a Firenze.

1442
Alfonso V, re di Trinacria, conquista Napoli e riunifica le due corone come Rex Utriusque Siciliae.

29 maggio 1453
Gli ottomani conquistano Costantinopoli sconfiggendo l’imperatore Costantino XI Paleologo ponendo fine all’Impero Romano d’Oriente.

12 ottobre 1492
Cristoforo Colombo raggiunge il Nuovo Mondo, l’isola di San Salvador nelle Bahamas.

1500
La lingua italiana adottata anche in campo accademico al posto del latino.

1503
La Francia di Carlo VIII e di Luigi XII conquista Milano.

1519 / 1530
Carlo V sconfigge i francesi e conquista Milano nel 1525 e affida il ducato a Francesco Sforza.

1535 / 1559
Guerre di conquista tra Carlo V e la Francia che occupa il Piemonte e la Savoia. Carlo V alla morte di Francesco Sforza gli succede nel titolo ducale di Milano. Milano e Napoli passano dopo l'abdicazione di Carlo V al figlio Filippo II re di Spagna .

1559
Dopo la sconfitta della Francia pace di Chateau-Chambresis: la Spagna conserva Milano, lo Stato dei Presidi, l'Elba, Napoli e la Sicilia. La Savoia torna a Emanuele Filiberto. La Toscana ritorna ai Medici tranne Lucca. Mantova e il Monferrato tornano ai Gonzaga. Parma va ai Farnese. Modena e Ferrara agli Este. La Corsica a Genova.

1562
Torino sostituisce Chambery come capitale del ducato di Savoia.

15 maggio 1532
Scisma anglicano dalla Chiesa Cattolica Romana.

1545 – 1563
Il Concilio di Trento riorganizza la Chiesa Cattolica Romano dopo il distacco delle chiese protestanti.

1548
Carlo V, imperatore cattolico, pubblica il Geharnischt per reintegrare il movimento luterano nella Chiesa cattolica contro i principi protestanti.

1553
La regina d’Inghilterra Maria Tudor ricompone lo scisma dalla chiesa di Roma. Nel 1558 Elisabetta I ripristinerà la chiesa d’Inghilterra.

7 ottobre 1571
L’espansione ottomana nel Mediterraneo fermata dalla flotta riunita di Spagna, Genova, Venezia, Malta, Toscana comandata da Don Giovanni d’Austria.

4 ottobre 1582
Papa Gregorio XIII riforma il calendario aggiungendo al 4 ottobre 1582 11 giorni.


1612 / 1632
La Francia riprende le armi e con la pace di Cherasco ottiene il predominio sulla Savoia.

1631
Annessione del ducato di Urbino allo Stato Pontificio dopo l’estinzione della dinastia dei Della Rovere.

12 settembre 1683
Gli ottomani fermati sotto Vienna dagli Imperiali, l’Europa Cristiana è salva.

1701 / 1713
Dopo la guerra di successione spagnola con la pace di Utrecht nel 1713 i domini spagnoli passano all'Austria (Milano, Mantova, Presidi, Napoli, Sardegna) e all’alleato Ducato di Savoia che ottiene il Monferrato e la Sicilia nel 1713 poi ceduta nel 1720 ceduta all'Austria in cambio della Sardegna per poterne ereditare il titolo di regale.

17 agosto 1717
Le truppe imperiali comandate dal principe Eugenio di Savoia pongono fine all’espansione ottomana in Europa e conquistano Belgrado.

1734 / 1738
Dopo la guerra di successione polacca la Savoia occupa la Lombardia e la cede all'Austria in cambio di Novara, di Tortona e delle Langhe. L'Austria ottiene il controllo del ducato di Parma e Piacenza e del granducato di Toscana. Ai Borbone di Spagna vanno Napoli e Sicilia.

17 agosto 1740
Prospero Lorenzo Lambertini, Benedetto XIV, nuovo pontefice.

1740 / 1748
Dopo la guerra di successione austriaca Genova caccia nel 1746 gli austriaci. La Savoia nel 1748 con la pace di Aquisgrana ottiene dall’Austria l'alto novarese, Vigevano e Voghera fino al Ticino. L'Austria cede Parma, Piacenza, e Guastalla ai Borbone.

6 luglio 1758
Carlo della Torre di Rezzonico, Clemente XIII, nuovo pontefice.

1768
Genova cede la Corsica alla Francia.



19 maggio 1769
Giovanni Vincenzo Antonio (e in religione Lorenzo) Ganganelli, Clemente XIV, nuovo pontefice.

15 febbraio 1775
Giovanni Angelico Giannangelo Braschi, Pio VI, nuovo pontefice.

4 luglio 1776
Dichiarazione d’indipendenza delle colonie americane all’Inghilterra.

4 marzo 1789
Formazione degli Stati Uniti d’America.

14 luglio 1789 - 1799
Rivoluzione Francese.

15/10/1796 – 9/7/1797
Le vittorie francesi portano alla fondazione della Repubblica Transpadana che il 9 luglio 1797 si fonderà nella Repubblica Cisalpina.

19/5/1797 – 9/7/1797
Fondazione della Repubblica Cispadana.

29/6/1797
Fondazione della Repubblica Cisalpina composta da Lombardia, Modena, Reggio, Bologna e Ferrara, dalla fusione della Repubblica Cispadana e della Repubblica Transpadana. Milano capitale.

17/10/1797
Con il Trattato di Campoformido tra la Francia di Napoleone e l’Austria scompare la Repubblica di Venezia annessa all’Austria.

1798-1799
Fondazione di una Repubblica Romana nel 1798 e di una Repubblica Partenopea nel 17991796 / 1799

1799
L'Austria sconfigge i francesi e ristabilisce lo status quo.



9 novembre 1799
Con il colpo di stato del 18 Brumaio Napoleone Bonaparte diventa Primo Console.

1800 / 1801
La Francia riprende le armi e sconfigge l'Austria a Marengo ricostituendo la repubblica Cisalpina. Nel 1801 con la pace di Luneville la Francia annette il Piemonte, Parma e Piacenza mentre nasce un Regno di Etruria e si ricostituisce lo Stato Pontificio ma senza Ravenna, Ferrara e Bologna unitesi alla Repubblica Italiana.

14 marzo 1800
Barnaba Niccolò Maria Luigi Chiaramonti, Pio VII, nuovo pontefice.

26/6/1802
La Repubblica Cisalpina diventa la Repubblica Italiana in Lombardia ed Emilia Romagna con Napoleone Bonaparte come Presidente.

11 agosto 1804
Nasce l’Impero d’Austria.

11 agosto 1804
Francesco I imperatore d’Austria.

18/3/1805
Napoleone trasforma la Repubblica Italiana in Regno Italico e ne diventa re. Il regno comprende Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Istria. La Liguria è annessa alla Francia che ottiene il controllo dei ducati di Lucca e Piombino.

6 agosto 1806
Napoleone Bonaparte decreta la fine del Sacro Romano Impero.

1806 / 1809
La Francia ottiene il controllo del Regno di Napoli nel 1806), della Toscana nel 1807, di Roma nel 1808 mentre Massa e Carrara sono unite a Lucca. il Trentino è annesso al Regno Italico. Sicilia e Sardegna restano indipendenti.



4 aprile 1814
Abdicazione di Napoleone.

20 giugno 1815 – 24 agosto 1866
Il Congresso di Vienna restaura in Italia le precedenti monarchie pre napoleoniche. I Savoia riottengono il Piemonte, Nizza, Savoia e Liguria. La Lombardia, il Veneto e la Valtellina vengono eretti in Regno Lombardo-Veneto sotto l’Austria; Parma, Piacenza e Guastalla passano agli Asburgo e quindi dopo la morte di Maria Luisa Asburgo ai Borbone che ottengono provvisoriamente anche Lucca poi ceduta al Granducato di Toscana; Modena, Reggio e Mirandola vanno agli Asburgo-Este che poi annetteranno anche Massa e Carrara; I Granducato di Toscana ottiene Piombino, lo Stato dei Presidi e poi Lucca dopo il passaggio dei Borbone a Parma; Napoli e Sicilia ai Borbone. Venezia rimane all'Austria.

8/12/1816
Fine del regno di Sicilia incorporato nel Regno delle Due Sicilie.



1820 – 1821
Moti rivoluzionari a Napoli, Palermo, Alessandria, Torino, Novara contro le conseguenze della Restaurazione imposta dall’Austria.

28 settembre 1823
Annibale Francesco Clemente Melchiorre Girolamo Nicola Sermattei della Genga, Leone XII, nuovo pontefice.

31 marzo 1829
Francesco Saverio Maria Felice Castiglioni, Pio VIII, nuovo pontefice.

1830 – 1831
Moti rivoluzionari a Modena, Parma e in Emilia Romagna contro l’invadenza dell’Austria che, di fatto, controllava tutto il Nord Italia.

2 febbraio 1831
Bartolomeo Alberto Cappellari, Gregorio XVI, nuovo pontefice.


1831 / 1845
Diffusione delle idee repubblicane di Giuseppe Mazzini.

16 giugno 1846
Giovanni Maria Mastai Ferretti, Pio IX, nuovo pontefice.

1848
Moti rivoluzionari in Europa: Francia, dal 23 febbraio al 2 dicembre 1848 (Seconda Repubblica) – Austria, da marzo 1848 al 7 gennaio 1849 - Regno delle Due Sicilie - Stato Pontificio dal 1848 al 1849 - Ducato di Parma - Granducato di Toscana - Ducato di Modena - Regno di Sardegna dal 23 marzo 1848 (1 guerra d’indipendenza)- Confederazione Germanica - Ungheria dal 15/3/1848 - Svizzera con la trasformazione della confederazione in stato federale. L’Austria riprende il controllo della situazione riuscendo per l’ultima volta a reprimere la rivoluzione.

2 dicembre 1848
Francesco Giuseppe Imperatore d’Austria.

23/3-11/8/1848
Prima guerra di indipendenza: il Regno di Sardegna è sconfitto a Custoza.

20/3 - 23/3/1849
Sconfitta a Novara del Regno di Sardegna.


26 aprile 1859
Seconda Guerra d’Indipendenza Italiana tra Regno di Sardegna con l’alleata Francia, contro l’Austria che ne uscirà sconfitta e umiliata. Il Regno di Sardegna annette la Lombardia ma deve cedere alla Francia Nizza e Savoia.

1860
Emilia e Toscana votano l'annessione al Regno di Sardegna. Garibaldi conduce una guerra personale contro il Regno delle due Sicilie che viene annesso al Regno di Sardegna. Marche e Umbria votano l'annessione al Regno di Sardegna.

2 gennaio 1861
Guglielmo I re di Prussia.

17 marzo 1861
Fondazione del Regno d’Italia dopo la vittoria sul campo di Solferino il 24 giugno 1859 del Regno di Sardegna alleato della Francia sull’Austria.

23 marzo 1861
Camillo Benso conte di Cavour nuovo presidente del consiglio.

6 giugno 1861
Cavour, presidente del consiglio dei ministri del Regno di Sardegna dal 1852 al 1859 e del Regno d’Italia da poche settimane, muore.

1866
terza guerra di indipendenza: l' Italia annette il Veneto.
 
20/9/1870
l' Italia annette lo stato pontificio e nuova capitale a Roma nel 1871.
 
1885
occupazione di Massaua in Eritrea eretta a colonia nel 1889.

1911 / 1912
sconfitta la Turchia l' Italia annette la Libia.
 
1918
sconfitta l' Austria l' Italia annette il Trentino, il sud tirolo, l' Istria.
 
7/6/1929
costituzione dello Stato della Città del Vaticano

9/5/1936 - 19/5/1941
annessione dell' Etiopia
 
6/4/1939 - 3/9/1943
annessione dell' Albania in unione personale della corona d'Italia e d'Albania

10/7/1943
costituzione del Governo Militare Alleato (AMG) in Sicilia

3/9/1943
estensione del Governo Militare Alleato al continente

10/9/1943 - 2/5/1945
occupazione militare tedesca dell'Italia centro settentrionale



10/9/1943 - 2/5/1945
amministrazione tedesca di Trento, Bolzano, Belluno, Gorizia, Trieste e dell'Istria


12/9/1943
liberazione da parte tedesca di Mussolini dalla prigione del Gran Sasso


15/9/1943
arrivo di Mussolini a Saló.
 
23/9/1943
proclamazione dello Stato Nazionale Repubblicano d'Italia nei territori sotto occupazione tedesca nel centro nord d'Italia in opposizione al Governo monarchico di Brindisi


1/12/1943
proclamazione della Repubblica Sociale Italiana


28/4/1945
dissolvimento delle istituzioni repubblicane dei Salò

2/5/1945
resa delle forze d'occupazione tedesche

 

31/12/1945
fine del Governo Militare Alleato eccetto a Udine e Venezia

2/6/1946
Referendum Popolare a favore della Repubblica.

18/6/1946
proclamazione della Repubblica Italiana

31/1/1947
fine della Commissione di Controllo Alleata

10/2/1947
con il Trattato di Pace l'Italia deve abbandonare le colonie; cedere alla Yugoslavia l'Istria, Fiume e Zara; cedere alla Francia Tenda, Briga e altri villaggi; restituire l'isola di Saseno all'Albania; cedere Trieste all'Amministrazione alleata.

17/9/1947
fine dell'occupazione militare alleata

 


up 


Costituzioni

4/3/1848

Statuto albertino, mantenuto dopo la costituzione del Regno d'Italia
1) Sovrano ereditario. 
2) Primo Ministro nominato dal Sovrano da lui revocabile. 
3) Parlamento eletto a suffragio limitato. Estensione del suffragio nel 1870: 2% della popolazione; 1882: 15% della popolazione; 1912: 50% della popolazione (suffragio universale maschile)


1/1/1948

Entrata in vigore della costituzione approvata il 27/12/1947 
1) Presidente della Repubblica eletto per 7 anni (rieleggibile) dal Parlamento in seduta comune integrato da 3 membri per ciascuna regione eletti dai Consigli Regionali (la Valle d'Aosta ha 1 membro) a maggioranza dei 2/3 per i primi 2 scrutini, a maggioranza semplice dal 3 scrutinio. 
2) Presidente del Consiglio dei ministri nominato dal Capo dello Stato, che lo nomina dopo consultazioni con le forze politiche e istituzionali e su su sua proposta i ministri
3) Parlamento bicamerale eletto per 5 anni a suffragio universale diretto Camera dei Deputati: 630 membri ; Senato della Repubblica: 315 membri eletti su base regionale (ogni Regione deve avere almeno 7 Senatori .La Valle d'Aosta ne ha 1; il Molise 2); Sono membri del Senato anche gli ex Presidenti della Repubblica e i senatori a vita (nominabili in numero massimo di 5 dal Capo dello Stato).


up 


Le Capitali

Regno d'Italia 1861~1946
Repubblica Italiana dal 1946


Torino 1861-1865
Firenze 1865-31/12/1870
Roma 20/9/1870 - 9/9/1943
Brindisi 9/9/1943- 10/1943
Salerno 9/1943 - 7/1944
Roma 7/1944

 


Repubblica Sociale Italiana 1943~1945

Salò

up  



I Nomi

 

Danish: Italien
Dutch: Italië, Italiaanse Republiek
English: Italian Republic
Finnish: Italia
French: Italie
German: Italien
Icelandic: Ítalía
Italian: Italia, Repubblica Italiana
Norwegian: Italia, Republikken Italia
Portuguese: Itália, República Italiana
Spanish: Italia, República Italiana
Swedish: Italien


 ܝܜܠܝܐ Aramaic arc
ܐܝܛܠܝܐ Aramaic arc
इटली Hindi hi
इटली Marathi mr
इटली Sanskrit sa
ఇటలి Telugu te
ಇಟಲಿ Kannada kn
イタリア Japanese ja
���탈리아 Korean ko
इटाली Nepali ne
ইত��লী Bengali bn
ഇറ്റലി Malayalam ml
อิตาลี Thai th
ອິຕາລີ Lao lo
ཨྀཊ་ལི Dzongkha dz
იტალია Georgian ka
இத்தாலி Tamil ta
ཨི་ཊ་ལི། Tibetan bo
ประเทศอิตาลี Thai th
དགྱིའི་དའ་རླིས Tibetan bo
ایټالیه Pushto ps
اټاليا Pushto ps
ایتالیا Persian fa
اٹلی Urdu ur
إيطاليا Arabic ar
ايطاليا Arabic ar
איטאליע Yiddish yi
איטליה Hebrew he
Ιταλία Greek, Modern (1453-) el
Итали Chuvash cv
Итали Mongolian mn
Итали Ossetian; Ossetic os
Италија Macedonian mk
Италија Serbian sr
Италия Bulgarian bg
Италия Russian ru
Италия Uzbek uz
Италї Slavic, Church cu
Итолиё Tajik tg
Італія Belarusian be
Італія Ukrainian uk
Իտալիա Armenian hy
イタリア共和国 Japanese ja
意大利 Chinese zh

 

 

Abruzzo: dal latino Aper: Verro oppure da Abruptus: Bagni

Alessandria: in nome del papa Alessandro III

Aosta: dal latino Augusta Prætoria Salassorum fondata da Augustus come sede della sua guardia pretoriana nella terra dei Salassi

Alto Adige: parte dalta del fiume Adige

Ancona: dall'antico greco Ankon: Armi Curvate per la forma dei due promontori

Avellino: dal latino Abellinum: concernente Abella città della Campania

Bari: dall'antico greco Baris: Casa Fortificata

Basilicata: dall'antico greco Basilikos: Reale

Benevento: Maleventum deriva da Mal: Altezza ed Eventum: Fortuna fino al 268 a.c. quando fu rinominata Beneventum dal latino Bene: Buono ed Eventum: Fortuna

Bolzano: da plantationBautianum: Piantagione di Bautius

Brindisi: Brention: Testa di Cervo maschio

Cagliari: dal greco Karalis dal pre indo european Kar: Pietra

Calabria: da Calaber nome etnico

Caltanissetta: diminutivo di Caltanissa dall'arabo Kal`at: Castello e An-Nisà: Delle Donne

Campania: dal latino Campania: Campagna

Campobasso: dall'italiano per Luoghi Bassi

Caserta: dall'italiano Casa ed Erta: Elevata

Crotone: dall'antico greco Kroton: pianta di castorio

Cuneo: dal latino Cuneus: Angolo con riferimento ai fiumi Gesso e Stura

Emilia: dal latino Æmilia Regio la destinazione della Via Æmilia la cui costruzione cominciò sotto il console Marcus Æmilius Lepidus

Ferrara: dal latino Ferraria: Fucina del Ferro

Florence: dal latino Florentia: Luogo fiorito

Foggia: dal dialetto italiano Fossato

Forlì: dal latino Forum Livii: Città di Livius dal nome del console romano Marcus Livius Salinator

Friuli: dal latino Forum Julium: Città di Julius Caesar

Gorizia: dallo sloveno Gorica: Piccola Montagna

Grosseto: Luogo degli alberi di fico

Imperia: dal nome del fiume Impero (dal 1923 dall'unione di Porto Maurizio e Oneglia)

Latina: fino al 1945 Littoria

Lazio: Latin Latium: broad plain

Liguria: dal nome etnico dei Liguri

Lodi: dal latin Laude Pompeia menzionata da Cneius Pompeius Strabo

Lombardia: nome etnico dei Longobardi: Uomini con lunghe Asce

Lucania: deriva dal latino Lucus: Boschi

Macerata: dal latino a significare un antico metodo di costruzione

Marche: dall'italiano Marca: Stato Cuscinetto

Messina: dal nome della regione greca della Messinia da dove provenivano i coloni stabilitisi in Sicilia

Milano: dal gallico Medio: Mezzo e Lanon: Luogo Abitato e dal latino Mediolanum

Modena: dall'etrusco Mutna: Tomba

Naples: dall'antico greco Nea: Nuovo e Polis: Città

Padua: da Padus nome latino del fiume Po

Palermo: dal greco antico Pan: Tutto e Hormos: Ancoraggio o Buon Porto

Pescara: dal latino medievale Piscaria: Mercato del Pesce

Piacenza: dal latino Placentia: Piacer

Piemonte: Colline ai piedi delle Alpi

Pisa: dal pre indo europeo Pisa: Terra Paludosa

Pistoia: dal latino Pistor: Macinatore di grano

Ravenna: dal pre indo europeo Rava: Torrente

Roma: Dal latino Ruo: Scorrere; dall'etrusco Ruma: Mammella in riferimento alla leggenda di Romolo e Remo o al Palatino; dal greco Ρώμη: Forza; dall'etrusco Rumon: Fiume; da "Roma" una ragazza maga troiana secondo il poeta Stesicoro

Romagna: Terra dei Romani come parte dei domini bizantini dell'Impero Romano d'Oriente dopo la caduta di Roma

Sicilia: dal nome etnico di Sikeloi

Siracusa: dal nome di una palude locale

Trapani: dall'antico greco Drepanon: Falce fienaia per la forma del promontorio

Trieste: dall'indo europeo significa Mercato

Torino: dal latino Augusta Taurinorum e dal nome etnico Taurini

Toscana: dal latino Tuscus: avendo a che fare con gli etruschi

Venezia: Terra dei Veneti nome etnico



up  


International Organizations  (Sigle)

ADB, AfDB, AG, ANT, APM, BIS, BSEC (observer), BTWC, CBSS (observer), CDB, CE, CEI, CTBT, EAPC, EBRD, EIB, ENMOD, EU, FAO, G- 7, G- 8, G-10, IADB, IAEA, IBRD, ICAO, ICC, ICCt, ICFTU, ICRM, IDA, IEA, IFAD, IFC, IFRCS, IHO, ILO, IMF, IMO, IMSO, Interpol, IOC, IOM, IPU, ISO, ITSO, ITU, KP, LAIA (observer), LU, MIGA, MTCR, NATO, NEA, NPT, NSG, NTBT, OAS (observer), OECD, OPCW, OSCE, PCA, UN, UNCTAD, UNESCO, UNFCC, UNHCR, UNIDO, UPU, WCL, WCO, WEU, WHO, WIPO, WMO, WTO, WToO, ZC


up  



Storia delle bandiere


 

Regno d'Italia 1861/1946
 

17/3/1861 - 18/6/1946 

 



1861/1946 insegna navale



bandiera delle unità navali

 

 

stendardo reale 1861/1880

 

 


stendardo reale 1880/1946




stendardo del Duce 1939/1943


 

1861-1870



Grande stemma 1870-1890



medio stemma  1880-1946



Grande stemma 1890-1923, 1943-1946




stemma 1923/1943

 

-------------------------------------------------------------------------


Repubblica Sociale Italiana 1943/1945



[Italy flag]

23/9/1943 - 29/4/1945 bandiera di Stato







28/1/1944 - 29/4/1945 bandiera da guerra

 

-------------------------------------------------------------------------



Repubblica Italiana dal 1946




bandiera ufficiale dal 18/6/1946






stendardo degli ex presidenti della repubblica dal 2001





stendardo presidenziale dal 2000





stendardo presidenziale 1992/2000






stendardo presidenziale 1990/1992






stendardo presidenziale 1965 - 1990

 

 

up

 

Sources


Fonti ~ Sources




 

 

Feel free to give a donation through Paypal
to help sustain this site with a
Donation



R
G
P