Fresh News

Proverbi Napoletani

 

 

Vide Napule e po' muore. - Vedi Napoli e poi muori.

Quann' 'o diavulo t'accarezza, vo' ll' nema. - Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima.

'E figlie so' ppiezz' 'e cre. - I figli sono pezzi di cuore.

Cc nisciuno fesso. - Qui nessuno stupido.

Ogne scarrafone bell' a mamma soja. - Ogni scarafaggio sembra bello alla propria madre.

'A raggiona d' 'e fesse. - La ragione degli stupidi.

Tutt' 'o lassato perduto. - Tutto ci che lasciato perso.

Dicette 'o pappice 'nfacci' a noce: "Dmme 'o tiempo ca te spertoso". - Disse il tarlo alla noce: "Dammi il tempo che ti buco".

Mentre 'o miedeco stura, 'o malato se ne more. - Mentre il medico studia, il malato muore.

Nun se fa niente pe' ssenza niente. - Non si fa niente per niente.

A lo ffriere sinte l'addore! A li cunte sinte lo chianto! - Al momento di friggere senti l'odore! Al conto senti i pianti!.

Chi bella vo' pare', pene e gguaje hadda pate'. - Chi vuole apparire bella, pene e guai deve patire.

Sparte ricchezza e addeventa puvert. - Dividi la ricchezza e diventer povert.

Chi sparte, ave 'a peggia parte. - Chi divide riceve la parte peggiore.

'A mugliera 'e ll'ate sempe cchiu' bella. - La moglie degli altri sempre pi bella.

Parlanno do diavulo, spuntajeno 'e ccorna. - Parlando del diavolo, apparvero le corna.

'O peggio surdo chillo ca nun vo' sntere. - Il peggior sordo quello che non vuole sentire.

Dicette Pulicenella: "Pe' mmancanza 'e denare, quanta scampagnate ca m'aggio perzo!" - Disse Pulcinella: "Per mancanza di soldi, quante gite mi sono perso!".

Mazza e panella fanno 'e figlie bell; panella senza mazza fanno 'e figlie pazze. - Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi.

'A robba bella se fa avvede'. - Le belle cose devono essere mostrate.
Addo' sta 'o Papa, ll Roma. - Dove si trova il Papa, l Roma.

O' cunfessore se po' dicere quacche busca, o miedeco no. - Al confessore si pu dire qualche bugia, al medico no.

Guajo 'ncomune, mez' allerezza. - Mal comune, mezza gaudio.

Nisciuno nato 'mparato. - Nessuno nato istruito.

Chi ato nun ave, cu 'a mugliera se ccca. - Chi non ha altro, va a letto con la moglie.

'A gallina fa ll'uovo e o gallo ll'abbruscia 'o culo. - La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere.

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat. - Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato.

Quanno si' 'a 'ncunia, statte; quanno si' martiello, vatte. - Quando sei incudine, statti; quando sei martello, batti.

'Nu buonu marito fa 'na bona mugliera. - Un buon marito rende buona la moglie.

'A vicchiaja 'na brutta bestia. - La vecchiaia una brutta bestia.
'O pesce fte d' 'a capa. - Il pesce puzza dalla testa.

'A gatta pe' gghji' 'e pressa, facette 'e figlie cecate. - La gatta per fare presto fece i figli ciechi.

Ogne bella scarpa addeventa scarpone. - Ogni bella scarpa diventa scarpone.

Tre so' 'e putiente: 'o papa, 'o rr, e chi nn tene niente. - Tre sono i potenti: il Papa, il Re e chi non ha niente.

'O geluso more curnuto. - Il geloso muore tradito.

Se dice 'o peccato, ma no 'o peccatore. - Si dice il peccato, ma non il peccatore.

Quann' 'o peducchio saglie 'ngloria, perde 'a scienza e 'a memoria. - Quando il pidocchio sale in gloria, perde la ragione e la memoria.

'E denare so' 'a voce 'e ll'ommo. - I soldi sono la voce dell'uomo.

A ppava' e a mmuri', quanno cchi tarde pussbbele. - Pagare e morire, quando pi tardi possibile.

'O pazzo fa 'a festa e 'o savio s' 'a gode. - Il pazzo fa la festa e il saggio se la gode
Chi troppo magna, s'affoca. - Chi mangia troppo, soffoca.

Chiamma mamma e pate a chi te da' a 'mmangia'. - Chiama mamma e pap chi ti nutre.

'O pesce gruosso se magna 'o piccerillo. - Il pesce grande mangia il piccolo.

Se pigliano cchi mmosche cu 'na goccia 'e mele, ca cu 'na vott' acito. - Si catturano pi mosche con una goccia di miele che con una botte di aceto.

Datte da fa': 'a jurnata 'nu murzo!. - Datti da fare, la giornata un boccone.

Chi cagna 'a via vecchia p' 'a nova sape chello ca lassa e no chello ca trova. - Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ci che lascia ma non ci che incontra.

O puorco miettence 'a sciassa, sempe 'a coda 'nce pare. - Anche se vesti il maiale, la coda si vedr sempre.

Chi vo' mettere 'o pede 'ncopp 'a ttutt' 'e pprete, nun arriva maje. - Chi vuol mettere il piede su tutte le pietre, non arriva mai.

Quann' 'o mellone jesce russo, ognuno ne vo' 'na fella. - Quando il cocomero rosso, ognuno vuole una fetta.

Tutto po' essere, fore ca ll'ommo prino. - Tutto possibile tranne che l'uomo incinto.

 

Chi te vo' bene cchi de mamma, te 'nganna. - Chi ti vuole bene pi della mamma, ti inganna.

'A morte nun tene crianza. - La morte non ha educazione.

'O sparagno nun maje guadagno. - Il risparmio non mai guadagno.

Nu' sputa' 'ncielo, ca 'nfaccia te torna. - Non sputare in cielo, che ti ricadr in faccia.

Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna. - Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia.

Quanno se magna, se cuntratta cu 'a morte. - Quando si mangia si ha a che fare con la morte.

Addo' 'nc' gusto nu' 'nc perdenza. - Dove non c' gusto non c' perdita.

"Mannaggi' a pressa", dicette 'a maruzza. - "Maledetta la fretta", disse la lumaca.

'Ammore verace quanno s'appicceca e se fa' pace. - Il vero amore quando si litiga e si fa la pace.

'A meglia parola chella ca nun se dice. - La miglior parola quella che non si dice.
Pigliate 'a bona quanno te vene, ca 'a malamente nun manca maje. - Prenditi la buona occasione quando ti capita, perch la cattiva non manca mai.

Magna a ggusto tujo e vieste a ggusto 'e ll'ate. - Mangia secondo il tuo gusto e vesti secondo il gusto degli altri.

'Vatte 'o fierro quann' ccavero. - Batti il ferro quando caldo.

Santa Chiara, ropp'arrubbata, facett'i pport'i fierr. - Alla Basilica di Santa Chiara, dopo il saccheggio, misero i portoni di ferro.

O' tus o nunn'o tus, u' can' nun o' mije. - Lo toso o non lo toso, il cane non il mio.

Astipat'o mil' pe' quann' t'ven a sete. - Conserva la mela per quando avrai sete.

O' can' muozzeca o' strazziat. - Il cane morde lo straccione.

Stipa ca truova. - Conserva che troverai.

Jette pe se fa' a croce e se cecaje n'uocchio. - Voleva farsi il segno della croce e si cec un occhio.

Quann vott 'o vient 'e terra 'o pesc nun zomp int 'a tiella. - Quando c' il vento maestrale, il pesce non entra nella padella.
Chi chiagne fott 'a chi ride. - Colui che piange inganna colui che ride.

Chi t'ene mamma nu chiagn'e. - Chi ha la madre non piange.

Acqua ca nun cammin' fa pantane e fete!. - L'acqua stagnante, si appantana e puzza.

Facesse na culata e ascesse o sole. - Ogni volta che inizio a fare il bucato, il sole scompare.

'O purpo se coce int' a l’acqua soja. - Il polpo cuoce nella propria acqua.

E uno!...dicett' chille ca cecaje ll'uocchie 'a mugliera. - E uno! disse colui che accec la moglie.

S'adda fa 'o pireto pe quanto gruosso 'o culo. - si deve fare il peto per quanto grande il deretano.

All'altare sgarrupato nun s'appicceno cannele. - all'altare malandato non si accendono ceri.

'e voglia 'e mettere rum, chi nasce strunz' nun po' addivent babb. - chi nasce tondo non pu morire quadrato.

Jette pe se fa' a croce e se cecaje n'uocchio. - Voleva farsi il segno della croce e si cec un occhio.
Quann vott 'o vient 'e terra 'o pesc nun zomp int 'a tiella. - Quando c' il vento maestrale, il pesce non entra nella padella.

Chi chiagne fott 'a chi ride. - Colui che piange inganna colui che ride.

Chi t'ene mamma nu chiagn'e. - Chi ha la madre non piange.

Acqua ca nun cammin' fa pantane e fete! - L'acqua stagnante, si appantana e puzza.

Facesse na culata e ascesse o sole. - Ogni volta che inizio a fare il bucato, il sole scompare.

'O purpo se coce int' a l’acqua soja. - Il polpo cuoce nella propria acqua.

E uno!...dicett' chille ca cecaje ll'uocchie 'a mugliera. - E uno! disse colui che accec la moglie.

S'adda fa 'o pireto pe quanto gruosso 'o culo. - si deve fare il peto per quanto grande il deretano.

All'altare sgarrupato nun s'appicceno cannele. - all'altare malandato non si accendono ceri.

'e voglia 'e mettere rum, chi nasce strunz' nun po' addivent babb. - chi nasce tondo non pu morire quadrato.
Primm' e cunfett' e poi e difett'. - prima le nozze e poi i difetti.

Int' e carcere e int' 'e malatie cunosc' l'amicizia mia. - nelle grosse tragedie si riconosce la vera amicizia.

A' gatta quanne nun p arriv o' llardo dice ca' fete. - la gatta se non riesce a raggiungere il pezzo di pancetta o lardo dice che puzza ... avariata. E' la scusa che trova chi non riesce in una azione..

A' nave cammina e' a' fava se coce. - la nave va da se e anche le fave si cuociono da sole. Ovvero lascia andare le cose cosi' come vanno.

O' ciuccio chiamma recchia longa o cavallo. - di chi dice ad altri quali sono i suoi difetti senza veder i propri.

Cu n'uocchio guarda a jatta e cu n'ate frje o' pesce. - un occhio al gatto e uno al pesce, quando friggi.

Castagne, noci e nucelle a primma ca truovi bbona, astipatella. - conserva la frutta secca mano a mano che la sbucci via via resteranno le peggiori e tu resterai comme nu' strunz.

Ogni bella scarpa addeventa scarpone. - ogni bella scarpa prima o poi diventer uno scarpone malridotto.

A lav a capa o' cuccio se perde 'o tiempo, l'acqua e 'o sapone. - Al testardo riuscirai difficilmente a far cambiare opinione.

E' meglio 'nu maccarone ca ciente vermicielle. - meglio che sia uno solo a comandare.
Chi nasce p'a' forca nun more pe' mare. - se ti e' destinata una morte non ne puoi fare un altra.

Nun v ne' tene' e ne' scurtec. - non vuol fare n una cosa n quella opposta.

A vacca, pe’ nun mvere a coda, se facette magna’ ‘e ppacche d’’e mosche. - La vacca per non muovere la coda si fece mangiare il sedere dalle mosche.

O pesce piglia 'o lietto 'e 'o culo abbusca. - Spesso paga le pene chi non c'entra.

Vai p'aiut e truov sgarrup. - Cerchi un aiuto e trovi un peggioramento della situazione.

La vipera al bue: pur si m'accir semb curnut riest. - indipendentemente dalla situazione l'evidenza non cambia.

M stai purtann p vic e vcariell. - deviare il discorso.

Vai truvann a crist a rint e lupin. - sei una persona incredibilmente pignola.

O' ciucc quand 'o mettn e sold ngann o chiammn don ciucc. - i soldi fanno cambiare opinione delle persone.

Tiene cchi' corna tu che 'na sporte 'e maruzze. - Hai pi corna tu che una borsa di lumache, ovvero, la tua "esuberanza" fin troppo evidente.
'E tirate a varca o' sciutto. - Hai riposto la barca sul bagnasciuga, ovvero, ti sei messo al sicuro.

'A bona campana se sente 'a luntano. - Le cose buone subito si avvertono.

'A briscola se joca co' e denare. - Senza soldi non si commercia.

'A bucia esce 'ncoppo o naso. - A raccontare bugie succede come a Pinocchio.

'A cajola pure 'ndurata sempe nu carcere pe l'auciello. - La gabbia, anche se dorata, pur sempre un carcere per l'uccello.

'A capa 'e sotto, fa perdere 'a capa 'e coppa. - Gli istinti sessuali fanno sragionare.

A carocchia a carocchia Pulecenella accerette 'a mugliera. - Con piccoli colpi continui si pu provocare la morte di qualcuno.

A casa d'o ferraro, 'o spito 'e lignamme. - A casa del fabbro, lo spiedo di legno.

A cavallo 'e razza nun serve 'o scurriato. - Per il purosangue non ci vuole la frusta.

A chi te dice e fatte 'ell'ate nun dicere e fatte tuoi. - Diffida di chi ti confida segreti.
'A femmena pesce: nun schifa 'o vuccone e subbeto si pesca. - La donna come il pesce:abbocca subito.

'A femmena pe' l'ommo addiventa pazza, l'ommo p' 'a femmena addiventa fesso. - La donna per l'uomo impazzisce, l'uomo per la donna rimbecillisce.

'A fortuna comme l'anguilla: cchi penzammo d' 'a put agguanta e cchi 'nce sciulia. - La fortuna come l'anguilla: quando credi di averla presa sfugge.

'A guerra cerca 'a pace e 'a pace cerca 'a guerra. - La guerra cerca la pace e la pace cerca la guerra.

A lav 'a capa ro ciuccio se perde acqua e sapone. - A convincere un testardo si spreca tempo.

A lietto stritto cucchete 'miezo. - A letto stretto sistemati al centro.

'A lucerna senza uoglie se stuta. - Bisogna sempre alimentare i sentimenti.

'A meglia vita a toia ca si fesso e nun capisce niente. - Chi non sa non soffre.

'A merla cecata a notte fa 'o nido. - La merla cieca la notte fa il nido.

'A monaca de Camaldoli: muscio nun le piaceva e tuosto le faceva male. - Dicesi di donna incontentabile.
A 'o cafone 'a zappa 'mmano. - A ognuno il suo posto.

'A scopa nova dura tre ghiuorne. - All'inizio tutto bello.

'A sciorta e Cazzetto: Iette 'a pisci e se ne carette. - Maledettamente sfortunato.

'A suocera comm' 'o pesce: doppo tre ghiuorne fete. - Variante, con la suocera al posto dell'ospite.

'A verit figlia d' 'o tiempo. - La verit figlia del tempo.

'A vita comme 'a scala ro 'o vallenaro: corta e chiena e' merda.

La vita come la scala del pollaio: breve e piena di insidie.

A vita tosta e nisciuno t'aiuta, e si 'na vota quaccuno t'aiuta pe' te dicere "t'aggio aiutato".

La vita dura e nessuno ti aiuta, e se qualcuno una volta ti aiuta per dirti "ti ho aiutato".

Quanno 'o Signore nzerra na porta, arape nu portone'. - Quando Dio chiude una possibilit, ne apre un'altra pi grande.
Quanno Pullecenella va 'n carrozza, tutti 'o vedeno. - Quando un povero fa qualcosa di diverso adocchiato da tutti.

Quanno si chiuove statte, quanno si martiello vatte. - Quando sei in una posizione svantaggiosa attendi, quando sei in una posizione di vantaggio approfittane.

Quanno siente 'o latino d'e fessi sta venenno 'a fine d'o munno. - Quando gli imbecilli parlano il latino la rovina vicina.

Quanno si incudine statte, quanno si martiello vatte. - Quando sei incudine statti, quando sei martello batti.

Quanno uno fesso, fesso: nun c' cchi che fa. - Quando uno sciocco non pu cambiare.

Ricette 'o pappece a' noce: ramme tiempe ca te sportose - Disse il verme alla noce: dammi tempo che riuscir a bucarti!

Se cagna 'a bacchetta ma 'a museca sempre 'a stessa. - Cambiamenti politici: nulla di diverso.

Se mangia pe' camp, nun se campa pe' mangi. - Si mangia per vivere, non si vive per mangiare.

Se 'o nonno teneva 'o troll era 'nu tram. - Con i "se" non si fa la storia.

Senza renare nun se cantano messe. - Senza soldi non si cantano messe.
Senza 'e fesse 'e diritte nun camparriano. - Senza i fessi i diritti non camperebbero.

Si 'a fatica fosse bona 'a farriano 'e prievete. - Se il lavoro fosse buono lo farebbero i preti.

Si Dio nun v, manco 'e Sante 'o ponne. - Se Dio non vuole neanche i santi possono.

Si esce 'o sole esce pe' tutte! - Se esce il sole esce per tutti.

Si nun pu mangi carna, accuntientete d'o broro. - Se non puoi mangiare la carne accontentati del brodo.

Si nun saje f 'o scarparo nun sfottere 'e semmenzelle. - Lasciate spazio ai professionisti.

Si 'o prestito fosse buono se mprestarria 'a mugliera. - E' meglio non fare prestiti.

S cicere si se coceno. - Se son rose fioriranno.

Sparte ricchezza, addeventa povert. - Spesso le divisioni non accontentano nessuno.

Storta va diritta vene, sempe storta nun p gh. - Insisti, prima o poi girer bene.
Taglia curto quanno 'o mmale sta dinta 'a radeca. - Quando il male alla base taglia corto.

Tiempo perduto nun s'acquista maie. - Il tempo perduto non si riacquista.

Tra mastu Francisco e 'o bancariello nun se sape chi ha fatte rummore. - Tra due sole persone, non si riesce a capire chi ha fatto il danno.

Vittoria senza sango onnore 'e capitano. - La vittoria senza vittime l'onore del capitano.

Voce 'e popolo voce 'e Dio. - Voce di popolo, voce di Dio.

Ogni scarrafone bello a mamma soia. - Ogni figlio, per quanto brutto, bello agli occhi della madre.

Omme senza vizi menesta senza sale. - L'uomo senza vizi insipido.

Piace pi una fetta di pesce spada che cento alici. - Meglio la qualit che la quantit.

Pizzeche e vvase nun fanno pertose. - Pizzicotti e baci non fanno danni.

Pure nu caucio 'n culo fa f nu passo annanze. - A volte anche uno spintone utile.
Quanno nun tiene che juc joca coppe ! - Se non hai carte buone affidati al caso.

Quanno 'o mare non muorto, 'e pisce so' vive. - Col mare mosso, la pesca abbondante.

Quanno 'o mellone esce russo ognuno ne vo' 'na fella. - Quando l'affare buono ognuno vuol partecipare.

'O sparagno nun mai guadagno. - Il risparmio non mai guadagno.

'O turco fatto cristiano v 'mpal tutte chille ca iastemmano. - Il turco fatto cristiano vuole impalare tutti quelli che bestemmiano.

Ogne scarpa addeventa scarpone. - Ogni scarpa diventa scarpone.

Accuss va o' munno, chi nata e chi va 'nfunno. - Cos va il mondo, chi nuota e chi affonda.

Acquaio' l'acqua fresca? manco 'a neve! - La risposta scontata.

Add c' gusto nun c' perdenza. - Dove c' gusto non si perde mai.

Aggio piantato vruoccole e so asciute cavulusciure. - Ho piantato broccoli e sono usciti cavolfiori.
Amice e vino 'anna essere viecchie. - Amici e vino devono essere vecchi.

'A vecchie 'e cient anne ricette: "M'eggia 'mpar ancora!" - Si insipienti per tutta la vita.

Casa senza femmena, varca senza timone. - Una casa senza donna come una barca senza timone.

Chello ca nun se fa nun se sape. - Per non far parlare male di se' meglio non fare cattive azioni.

Chello ca p t nun vu, pe' l'ate nun sia. - Non fare agli altri ci che non vuoi sia fatto a te.

Chi addimanna nun fa errore. - Quando sei indeciso meglio chiedere.

Chi chiea 'a sarvietta a tavula segno ca ll nun ce v mangi cchi. - Chi piega il tovagliolo a tavola segno che l non ci vuole pi mangiare.

Chi cumanna nun suda. - Chi comanda non suda.

Chi dorme c' 'o cane nun s'aiza senza pullece. - Chi dorme col cane si sveglia con le pulci.

Chi dorme nun pecca, ma nemmeno piglia pisce. - Chi dorme non fa del male, ma non raccoglie frutti.
Chi troppo saputo addeventa scassacazzo e fesso. - Chi troppo saputone diventa rompiballe e fesso.

Chi f 'a legge l'adda rispett. - Chi fa la legge deve rispettarla.

Chi fraveca e sfraveca nun perde mai tiempo. - Chi rif il lavoro per migliorarlo fa bene.

Chi guverna 'o cavallo suio nun chiammato muzzo 'e stalla. - Chi governa il proprio cavallo non considerato un mozzo di stalla.

Chi mangia sulo s'affoga. - Chi mangia solamente si strozza.

Chi nasce quatro nun more tunno. - Chi nasce quadrato non muore cerchio.

Chi nasce puveriell' e sfurtunat' glie chiovon' 'e cazz' 'ncul' pure si sta assettat'. - Chi nasce sfortunato non pu opporre nulla al proprio destino.

Chi nun accatta e nun venne nun saglie e nun scenne. - Chi non risica non rosica.

Chi nu'ncasa nu' trase. - Chi non spinge non entra.

Chi pecora se fa' 'o lupo s' 'a mangia. - Non colpa del lupo se fai la pecora.

 

------------

Tratto da: "I proverbi di Pulcinella" di Antonio Rotondo

A 'casa d''o ferrro 'o spito 'e lignmme.


Quando manca una qualche cosa proprio dove dovrebbe invece esserci.

 

A' altare sgarrupto nun s'appicciano cannle.

 

Alle donne ormai anziane non si fanno moine.

 

A' bella 'e ciglie, tutte 'a vonno e niscuiuno s''a piglia.

 

Le ragazze molto belle sono corteggiate da tutti ma nessuno pensa di sposarle nella tema che, data la loro avvenenza, possano aver avuto in passato delle precedenti esperienze o possano ... averle in futuro.

 

'A bona mercanzia trova pristo a ghj pe' 'n'utria via.

 

Tutte le cose belle e buone trovano sempre chi le desidera e le prende.

 

A buono cavallo nun le manca sella.


Nessuno si lascia scappare una favorevole occasione pppure un ottimo affare.

 

A buono 'ntennitrepoche parole.


Chi vuole comprendere intende anche con un semplice cenno od accenno, con una mezza parola, etc.

 

'A capa 'e sotta fa perdere 'a capa 'e cppa.


Il sesso pu far diventare pazzi o scemi.

 

'A casa cu' ddje porte 'o divulo s''a porta!


Perch offre maggiori chances alle tresche amorose di ciascun coniuge.

 

'A casa d''o jucatore nun c' utro che dolore.

 

Perch in genere il vizio del gioco prima o poi porta alla miseria.

 

A cavallo rialto nun se guarda 'mmcca.

 

Qualsiasi regalo, anche se modesto, ha sempre un intrinseco valore e quindi deve essere sempre bene accetto ed apprezzato.

 

Accde cchi 'a lengua ca 'a spata.

 

Sono pi terribili le maledicenze che le armi.

 

A chignere 'nu muorto so' lcreme prze.

 

Chi morto morto e le lagrime sono prmai inutili.

 

'A chi nun tene figlie nun gh n pe' denare n pe' cunziglie.

 

Perch chi non ha figli non in grado di conoscere o capire i problemi e le necessit altrui.

 

A chi pazza cu' 'o ciuccio nun le mancano cuce.

 

Chi bazzica in un brutto ambiente deve sopportare le conseguenze.

 

A chi troppo s'acla 'o culo se vede.

 

Chi si umilia in maniera eccessiva fa chiaramente comprendere agli altri la sua mancanza di carattere e, quindi, la sua nullit.

 

'A cicala canta, canta e po' schitta.

 

I tipi superficiali se la spassano continuamente e poi fanno una brutta fine.

 

'A collera fatta a cuppo e chi s''a piglia se schiatta 'ncurpo.

 

Irritarsi finisce a tutto danno di colui che si arrabbia.

 

'A cunfidenza 'a mamma d''a mala crinza.

 

La troppa confidenza porta, alle volte, alla scostumanza.

 

Add c' gusto nun c' perdenza.

 

Se una cosa fatta con piacere non importa se per realizzarla od averla occorre fare dei sacrifici o spendere dei soldi.

 

Add 'nce stanno fmmene, 'nce stanno appecceche e chiacchiere.

 

Perch tale la loro peculiarit.

 

Add vje truve guje.

 

Purtroppo il mondo afflitto da mille e mille guai ed ognuno di noi ha i suoi.

 

A dicere so' tutte capace; 'o defficile a ff.

 

Fra il dire e il fare c' di mezzo il mare.

 

'A famma fa asc 'o lupo da 'u bosco.

 

Il bisogno pu indurre gli uomini anche a compiere cattive azioni.

 


up





Update 10-08-12

Spot



 


Feel free to give a donation through Paypal
to help sustain this site
with a
Donation


R
G
P

E

 

 

| Contact | Copyright Portale Storia |