Fresh News:

Proverbi Siciliani

 

 

Modi di dire Siciliani
Proverbi Siciliani
Proverbi Siracusani

  

 

 


Lu lupu di mala cuscenza comu opira penza.
Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che saprebbe fare lui.

Munti e munti `un s`incontranu mà.
I monti non s'incontrano mai con altri monti
Invece le persone prima o poi s'incontrano

La pignata taliata `un vugghi mai.
La pentola guardata non bolle mai
Quando una cosa si aspetta non arriva mai

Attacca lu sceccu dunni voli lu patruni.
Lega l'asino dove vuole il padrone.
Attieniti alle disposizioni di chi sta al di sopra di te

Cu `un fa nenti `un sbaglia nenti.
Solo chi non fa niente non commette errori

Prima di parlari mastica li paroli.
Prima di parlare mastica le parole.
Rifletti bene sulle parole che stai dicendo

Cu avi la cummirità e `un si nni servi mancu lu cunfissuri lu pò assolviri.
Chi ha la possibilità di vivere bene e non la sfrutta non può essere perdonato neanche dal confessore.

Di `na rosa nasci `na spina. Di `na spina nasci `na rosa.
Da una rosa nasce una spina, da una spina nasce una rosa.

Cu nesci arrinesci
Chi si allontana dal suo ambiente viene a trovarsi
in una condizione migliore.

Iunciti cu lu megghiu e perdicci li spisi.
Frequenta le persone migliori anche se ciò comporta qualche sacrificio.

Si ad ogni cani chi abbaia ci vò tirari `na petra `un t`arrestanu vrazza.
Se vuoi tirare una pietra ad ogni cane che abbaia le tue
braccia non ce la faranno.

Ogni cani è liuni a la sò casa.
Ogni cane nelle sua casa si sente un leone.

Ovu d`un`ura, pani d`un jornu e vinu d`un annu `un ficiru mai dannu.
Uovo di un`ora, pane di un giorno e vino di un anno non
hanno fatto mai male.

Li sordi di lu `Nfinfirinfì si li mancia lu `nfinfirinfà.
I soldi guadagnati in modo disonesto vengono spesi male.

Servu d`autru si fa cu dici lu sigretu chi sa.
Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri.

Fa beni e scordatillu, fa mali e pensaci.
Fai il bene e dimenticalo, fai il male e pensaci.

Lassa lu focu ardenti e succurri la parturienti.
Lascia il fuoco acceso e porta immediato soccorso a chi sta per partorire.

Quannu ‘u piru è maturu cari sulu.
Quando la pera é matura cade da sola.
Col passare del tempo le situazioni si chiariscono da sole.
 
‘U cani muzzica sempre ‘u spardatu
Il cane morde sempre il povero
I guai capitano a chi ne ha già abbastanza.

Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.
Il rispetto è misurato.Chi lo porta lo riceve.

Nuddu si pigghia si ‘un si assimigghia.
Le persone si scelgono perchè si somigliano.

Cu mancia fa muddrichi.
Chi mangia fa briciole.
Chi fa qualcosa inevitabilmente commette qualche errore.

Cu fa carteddi, ‘ni fa lari e ‘ni fa beddi.
Chi fa cesti ne fa brutti e ne fa belli.
Nelle cose che realizziamo non sempre raggiungiamo i migliori risultati.

Cu duna prima duna `ntimenza, cu duna doppu cu tutti li senza.
Chi colpisce per primo colpisce con esitazione, chi risponde alla provocazione lo fa con tutta la sua forza.

Aranci aranci, cu havi guai si li chianci.
Aranci aranci, chi ha guai se li pianga da solo.

A li ricchi ricchizzi, a li scarsi scarsizzi.
Ai ricchi ricchezze, ai poveri povertà.

La nostra casa n`abbrazza e ni vasa.
La nostra casa ci abbraccia e ci bacia, ossia ci accoglie calorosamente.

`Addu o senza `addu Diu fa jornu e senza lu to crivu spagghiu e cernu.
Con il gallo o senza il gallo Dio fa sorgere ugualmente il sole ed io senza il tuo setaccio ugualmente pulisco il grano e lo seleziono.

`Unn`è sempri chi ghioca e riri la muggheri di lu latru.
Non sempre alla moglie del ladro le cose vanno bene per
cui gioca e ride.

Lu bonu no vali cchiù di lu tintu sì.
Il no detto con grazia vale più del sì detto sgarbatamente.

Du` su` i putenti, cu avi assà e cu nun avi nenti.
Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.

Chiddu chi fa p`i me denti nun fa p`i me parenti.
Ciò che è utile per me non lo è per gli altri.

Aceddru `nta la aggia `un canta p`amuri, ma pi raggia.
Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia.

Ama a cu t`ama si vo` aviri spassu, chi amari a cu nun t`ama e` tempu persu.
Ama chi ti ama se vuoi trarne piacere, perche` amare
chi non ti ama e` tempo perso.

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara chi li rimina.
I guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che li mescola.

Quannu lu diavulu t`alliscia voli l`arma.
Quando il diavolo ti adula vuole l`anima.

Spenni picca e arricchirai, parla picca e `nzirtirai,
mancia picca e campirai.
Spendi poco e diventerai ricco, parla poco e sarà la scelta migliore,mangia poco e vivrai a lungo.

Megghiu `na vota arrussiari chi centu voti aggianniari.
Meglio arrossire una volta che farsi giallo di bile cento volte.

Soccu ora si schifia veni lu tempu chi si addisia.
Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato.

Siddru lu beni nun ritorna a mali nun si chiama beni.
Se il bene che facciamo non ci ritorna come male non si chiama bene.

Vali cchiu` un sceccu `ntirrugannu, ca un ancilu rispunnennu.
Vale di piu` un asino ad interrogare, che un angelo a rispondere.

Quannu la furtuna vota ogni amicu si fa la ritirata.
Quando la fortuna volta le spalle tutti gli amici si allontanano.

Quannu la lingua voli parrari, divi prima a lu cori dimannari.
Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore.

Si pri paura di corvi `un si semina linusa, nun putissimu aviri la cammisa.
Se per paura dei corvi non si semina il lino, non potremmo
avere la camicia

Cu strigghia lu so` cavaddru `un si chiama garzuni.
Chi striglia il proprio cavallo non si chiama garzone

Diu fa l`abbunnanzia e li ricchi la caristia.
Dio fa l'abbondanza e i ricchi la carestia

Acqua, cunsigghiu e sali a cu `unn`addumanna `un ci nni dari.
Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede

Aspittari e nun viniri, jiri a tavula e nun manciari, jiri
a lettu e nun durmiri su` tri peni di muriri.
Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e
non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire.

Arvulu chi nun ciuri e nun fa frutti tagghialu di sutta a
quattru botti.
Albero che non fa fiori né frutti taglialo alla base
senza esitazione

Assai vali e pocu costa a malu parlari bona risposta.
Una buona risposta a cattive parole vale molto e costa poco
 
Cu 'havi a chi fari cu' sperti,stassi cu' l'occhi aperti.
Chi ha a che fare con i furbi,deve stare con gli occhi aperti

A casa, senza a fimmina, ‘mpuvirisci.
La casa, senza la donna, impoverisce.

A facci ca non è vista, è disiddirata.
Volto non visto, è più desiderato.

A fimmina ca havi russuri, attira chiù d’i ricchizzi.
La donna attira più col suo pudore, che colle sue ricchezze.

Ama a cu t’ama, rispunti a cu’ ti chiama.
Ama chi t’ama, rispondi a chi ti chiama.

Bona maritata, senza sòggira e cugnata.
E’ ben sposata, la donna che non ha né suocera né cognata.

Cu si marita ‘nto quartieri bivi ‘nto so bicchieri;
cu si marita ‘nta centrata, bivi ‘nta cannata.
Chi sposa nel suo quartiere, beve nel suo bicchiere;
chi sposa nella sua contrada, beve nell’anfora.

Facci ca non è vista, è disiata.
Faccia che non è vista, è desiderata.

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
Donna barbuta, non salutarla neppure da lontano.

Fimmina bona, vali chiù di ‘na corona.
Una donna fine, val più di una corona regale.

Fimmina di tilaru, jaddina di puddaru, e trigghia di jnnaru.
Donna lavoratrice, gallina di pollaio, e triglia di gennaio.

Fimmina ca non s’allucia all’oru, vali chiossai di ‘n trisoru.
Donna che non si fa affascinare dall’oro, val più di un tesoro.

I fimmini quarchi vota dìciunu u veru, ma non lu dìciunu interu.
Le donne talora dicono il vero, ma non lo dicono intero.

L’amuri è misuratu, cu lu porta, l’havi purtatu.
L’amore è reciproco, chi ne dà, ne riceve.

La farfalla, a lu lumi attornu vola.
La farfalla vola sempre attorno alla luce.

L’acqua si ni va ‘nta la pinnenza, l’amuri si ni va unni
c’è spranza.
L’acqua scende lungo il pendio, l’amore se ne va dove
c’è speranza.

La lontananza ‘un abbannuna amuri, chiuttostu
menti ‘na vampa ‘nto cori.
Il distacco non fa diminuire l’affetto, anzi accende un fuoco nel cuore.

Muggheri onesta, trisoru ca resta.
Moglie onesta, tesoro che resta.

Non amari a cu t’ama è gran piccatu, amari a cu non
t’ama è tempu persu.
Non amare chi t’ama è gran peccato, amare chi non
t’ama è tempo perso.

Non c’è nenti chi fari, simpatia e antipatia su’ cosi naturali.
Non c’è niente da fare, simpatia e antipatia son fatti naturali.

Non c’è sàbbutu senza suli, non c’è fimmina senza amuri.
Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore.

Non ci po’ èssiri veru amuri, unni ognunu voli èssiri pattruni.
Non ci può essere vero amore , dove ciascuno voglia
essere padrone esclusivo delle proprie cose.

Non si’ amatu, si pensi sulu a tia.
Non sarai amato, se penserai solo a te.

Non su’i biddizzi ca ti fannu amari, ma a gentilezza e
lu bonu parrai.
Non sono soltanto le tue bellezze a farti amare, ma
la gentilezza e il cortese parlare.

Nuddu ti pigghia, si non t’arrassumigghia.
Nessuno ti piglia, se non ti rassomiglia.

Partutu ca l’amuri, resta lu pintimentu e lu duluri.
Svanito l’amore, restano il pentimento ed il dolore.

Ppi cu ama, ogni goccia di suduri, è na perla prizziusa
di lu cori.
Per l’innamorato, ogni goccia di sudore, è una perla
preziosa del cuore.

Quannu l’amuri tuppulìa, non lu lassari ammenzu a la via.
Quando l’amore bussa alla tua porta, non lo lasciare in strada.

S’astuta prestu lu focu di pagghia.
Si spegne presto il fuoco di paglia.

Unni c’è interessi, non c’è amuri.
Dove prevalgono gli interessi materiali, non c’è amore.

A collira da sira sarbatilla ppà matina.
La collera della sera conservala per il girono dopo.

Cu lassa a vecchia ppà nova tintu s'attrova.
Chi lascia la vecchia per la nuova si troverà male.

Cu primu nun pensa all'urtimu suspira.
Chi non pensa prima di agire, alla fine non gli resta
che sospirare.

Scàcciti juncu ca passa la china.
Piegati giunco perché passa la piena.

Nun prumettiri e santi diuna né e carusi cudduruna.
Non promettere ai santi digiuni e ai ragazzi focacce.

Cu a spranza d'autri sta, a so pignata un vugghia ma.
Non bolle mai la pentola di chi sta a speranza di altri.
Trìulu 'nsigna a chianciri.

Tribolo insegna a piangere.
Aceddu ca canta nna argia, o canta ppì mmiria o canta ppì raggia.
L'uccello che canta dentro la gabbia canta o per invidia
o per rabbia.

Nun si loda a jurnata se nun scura, né si loda a mugghieri
se nun mora.     
Non si loda la giornata se prima non fa buio, né si loda
la moglie se prima non muore.

Unni a iaddina canta e u iaddu taci, chidda è a casa ca
nun c'è paci.
Dove la gallina canta e il gallo tace, quella è la casa dove
non c'è pace.

Quannu a vucca pigghia e u culu renna, salutu i midicini
e cu è ca i vinni.
Quando la bocca prende e il culo rende, saluto le medicine
e chi è che le vende

L'amuri è comu lu citrolu, cumincia duci e finisci amaru  
L'amore è come il cetriolo, comincia dolce e finisce amaro

Si voi un omu fari scimunire, fallu 'ngilusiri 
Se vuoi rendere un uomo più passionale dagli quella
giusta dose di gelosia che lo costringa a dedicarsi a te

Ama a cui t'ama, a cui nun t'ama, lassalu  
Dai il tuo amore a chi realmente ti ama e non perdere
tempo con chi non pensa a te

L'amuri è amaru ma arricria lu cori
L'amore molto spesso fa soffrire, ma senza questo
la vita non ha senso

Due cosi 'nsemmula non si ponnu fari: viviri e friscari.
Due cose contemporaneamente non si possono fare:
bere e fischiare

Biddizza senza grazia è comu l'isca senz'ami.
La bellezza senza grazia è come l'esca senza l'amo

Cui di la propia libbirtà si spogghia,sempri si trova cu affannu e cu dogghia
Chi si spoglia della propia libertà,si troverà sempre afflitto da affanni e doglie.

Cu' havi a chi fari cu li sperti, stassi,cu l'occhi aperti ben aperti.
Chi a che fare con i furbi, stia con gli occhi ben aperti.

Dici lu cappillanu a la batissa:senza dinari nun si canta missa.
Dice il cappellano alla badessa:senza denari non si canta messa.

La furtuna è fatta a rota,sempri vota e sbota.
La fortuna è come una ruota,sempre viene e va.

 

Acqua, cunsigghiu e sali / senza dumannatu nu nn'hai a dari.
Acqua, consigli e sale / se non richiesti non devi dare.

Acqua e focu, dacci locu.
Acqua e fuoco, dagli luogo.

Acqua e focu, 'un ci pigghiari 'mprisi.
Acqua e fuoco, non li affrontare.

A cui ti po' pigghiari chiddu chi hai, dacci chiddu chi t'addumanna.
A chi può prenderti quello che hai, dagli quello che ti domanda.

A cursa longa lu bon cavaddu pari.
Nella corsa lunga il cavallo si manifesta.

Ad àevulu cadutu ognunu curri e fa ligna.
Ad albero caduto ognuno corre e fa legna.

A facci irita teni la vucca sirrata.
Dinanzi a faccia adirata tieni la bocca serrata.

A la calma, bunanzza e letu jiri, ogni cucchieri sapi navicari.
In calma, bonaccia e lieto andare, anche i cocchieri sanno navigare.

A li corpi di marteddu si conusci la magagna.
Ai colpi di martello si viene a conoscere la magagna.

A locu unni 'un si' conusciutu, comu si' vistu si' raffiguratu.
In luogo dove non sei conosciuto, come sei visto sei ritenuto.

A lu cantari l'occedu e a lu passari lu ciriveddu.
Al cantare l'uccello e al parlare il cervello.

Amatu nun sarai si a tia sulu pinsirai.
Amato non sarai se a te solo penserai.

A paisi unni chi vai, comu vidi fari fai.
In paese dove vai, come vedi fare fai.

Aperta è la porta pri chiddu chi porta.
Aperta è la porta per colui porta.

A pignata chi vugghi nun cci ' ncugnanu muschi.
A pendola che bolle non s'accostano mosche.

A spiziali nun tascari, a firraru nun tuccari.
Dallo speziale non assaggiare, dal fabbro non toccare.

A Taurmina / quantu su' li muntati su' li pinnina.
A Taormina quante son le salite son le discese.

A tempu di carduni lu cuteddu servi a lu patruni.
In tempo di cardoni il coltello serve al padrone.

Attacca l'asinu unni voli lu patruni; vegna lu lupu e si lu pozza manciari.
Lega l'asino dove vuole il padrone; venga il pupo e possa mangiarselo.

Batti lu ferru mentri è càudu.
Batti il ferro mentre è caldo.

Beni di furtuna pàssanu comu la luna.
Bene di fortuna, passano come la luna.

Beni e mali, 'n cera pari.
Bene e male, nella cera nel viso si manifestano.

Bisogna prima masticare feli, / cui voli ddoppu agghiuttiri meli.
Bisogna che prima mastichi fiele chi vuole dopo inghiottir miele.

Bisogna suffriri lu statu prisenti pri nun aviri lu mali avviniri.
Bisogna sopportare la condizione presente per non avere il male futuro.

Bonu pilotu a la timpesta pari.
Il buon pilota si vede durante la tempesta.

Bonu studiu e bona cura / càccianu e rùmpinu mali vintura.
Buono studio e buona cura scacciano e spezzano male ventura.

Bonu vinu, cavaddu e mugghieri, / sapi ognunu ca 'un si divi lodari.
Buon vino, cavallo e moglie ognun sa che non son da lodare.

Cani chi dormi, nun lu scuitari.
Cane che dorme, non stuzzicarlo.

Cci dissi lu gadduzzu a la puddastra: / tuttu lu munnu è comu casa nostra.
Disse il galletto alla pollastra: tutto il mondo è come casa nostra.

Cci voli sorti, cci voli furtuna sinu a lu stissu frìjiri l'ova.
Ci vuole sorte, ci vuole fortuna fin nello stesso frigger le uova.

Cci vonnu zucchi di centu cantàra, / cà lu focu di pagghia pocu dura.
Ci voglion ciocchi di cento quintali perché il fuoco di paglia poco dura.

Cerca lu beni e aspetta lu mali.
Cerca il bene e aspetta il male.

Comu mi canti ti sonu.
Come a me tu canti io ti suono.

Contra furtuna nun vali sapìri.
Contro la fortuna non vale il sapere.

Cori forti cunsuma cattiva sorti.
Cuor forte consuma cattiva sorte.

Cosi cuntati cridìtinni mitati; / si menu nni criditi, megghiu faciti.
Cose riferite, credetemi metà; se meno ne credete, meglio ancora fate.

Cu' ad àutru 'nzigna, acquista cchiù sapiri.
Chi ad altri insegna, asquista più sapere.

Cu' ad ogni dittu cridi ed è currivu, / comu pigghiassi l'acqua cu lu crivu.
Chi ad ogni detto crede ed è corrivo, / come prendesse l'acqua con lo staccio.

Cu 'ammuccia zoccu fa, è signu chi mali fa.
Chi nasconde ciò che fa, segno è che male fa.

Cu' arrisorvi, nun mori.
Chi si risolve esce di perplessità, non muore.

Cu' arrobba fa un piccatu, nni fa centu cu' è arrubbatu.
Chi ruba fa un peccato, ne fa cento chi è rubato.

Cui onu si guardau, bonu si truvau.
Chi ben si guardò, ben si trovò.

Cui camina licca, cui sedi sicca.
Chi cammina lecca  guadagna qualche cosa, chi sta a sedere, insecchisce  si consuma nell'inedia .

Cui cchiù curri, mancu camina.
Chi più corre, neppure cammina  perché si stacca e deve fermarsi .

Cui cchiù sapi, menu cridi.
Chi più sa, meno crede.

Cui cerca chiddu chi nun dici, trova chiddu chi nun voli.
Chi cerca quel che non deve  cercare  , trova quel che non vuole.

Cui cerca, trova; cui sècuta, vinci.
Chi cerca, trova; chi persevera, vince.

Cui curriri pritenni 'ntra pinninu, / è di giudiziu scavigghiatu e 'nsanu.
Chi correre pretende nel pendio, è di giudizio scombinato e insano.

Cui di la propria libbirtà si spogghia, / sempri si trova cu affannu e cu dogghia.
Chi della propria libertà si spoglia, sempre si trova con affanno e doglia

Cui di nenti si fa scrùpulu, jetta manu a tutti cosi.
Chi di niente si fa scrupolo, getta le mani su qualunque cosa.
 
Cui dintra lu murtaru l'acqua pista, / cu li stizzi si vagna e stancu resta.
Chi dentro il mortaio l'acqua pesta, / con gli schizzi si bagna e stanco resta.

Cui di paroli il è vintu, nun è sempri di virità cunvintu.
Chi da parole è vinto, non è sempre di verità convinto.

Cui du' lebbri voli assicurari, né l'unu né l'àutru po' pigghiari.
Chi due lepri vuole inseguire, né l'una né l'altra può pigliare.

Cui fa carteddi, nni fa làidi e nni fa beddi.
Chi fa cestelli, ne fa brutti e ne fa belli.

Cui fa li centu e nun fa l'unu, perdi li centu pri chidd'unu.
Chi fa i cento e non fa l'uno, perde i cento per quell'uno.

Cui frabbica supra la rina, la caduta è vicina.
Chi fabbrica sulla rena,  sappia che  la caduta è vicina.

Cu' havi chi fari cu sperti, stassi cu l'occhi aperti.
Chi ha da fare con scaltri, stia con gli occhi aperti  stia bene attento .

Cu' ha cummuditati e 'un si la pigghia, / attàccalu a la stadda e dacci pagghia.
Chi ha comodità e non la gode, / legato in istalla e dagli paglia  trattalo da somaro .

Cu' ha la cugnintura e 'un si nni servi, / nun trova cunfissuri chi l'assorvi.
Chi ha l'occasione  favorevole  e non se ne serve, non trova confessione che l'assolva.

Cu' havi manu friddi è 'nnamuratu; / cu' havi manu càudi è 'ngarzatu.
Chi ha mani fredde è innamorato; chi ha mani calde, fa l'amore.

Cui lassa la via vecchia pri la nova, / li guai ch'un va circannu, ddà li trova.
Chi lascia la via vecchia per la nuova, / i guai che non va cercando, proprio là li trova

Cui mali s'appoja, prestu cadi.
Chi mal s'appoggia, presto cade.

Cui mancia, fa muddichi.
Chi mangia, fa molliche.

Cui multi cosi accumenza, nudda nni finisci.
Chi molte cose incomincia, nessuna ne finisce.

Cui nesci, arrinesci.
Chi esce, riesce  chi si avventura fuori, ha successo

Cui nesci matinu, àscia un carinu.
Chi esce di buon mattino, trova un carlino  fa buon guadagno .

Cui nun fa lu gruppu a la gugliata, / perdi lu' puntu cchiù di 'na vota.
Chi non fa il nodo alla gugliata, perde il punto più d'una volta.

Cui nun havi spirienza, nun havi scienza.
Chi non ha esperienza, non ha scienza

Cui nun po' dari ajutu, 'nvanu ascuta.
Chi non può dare aiuto, invano ascolta.

Cui nun po' muzzicari, nun mustrassi li denti.
Chi non può mordere, non mostri i denti.

A vuppi cancia u pilu, ma no u vizziu.
La volpe cambia il pelo, ma non il vizio.

Unni trasi u suli, nun trasi u mèricu.
Dove entra il sole, non entra il dottore.

Unu pecca e 'n tronu è missu: l'àutru pecca, è crucifissu.
Uno pecca e in trono è messo, l'altro pecca, vien crocifisso.

Dicari e 'nniminari Diu sulu lu pò fari.
Giudicare e indovinare Dio solo lo può fare

Ama Diu cu tuttu cori e li mali lingui làssali jiri.
Ama Dio con tutto il cuore e le male lingue,lasciale andare

Lu Signuri joca gravusu, ma è sempri patri misiricurdiusu
Il Signore giuoca in modo gravoso, ma è sempre misericordioso

Bona maritata senza soggira e cugnata
Ben maritata è quella sposa che è senza suocera e cognata

Lu silenziu è l'arma di lu nigoziu.
Il silenzio è l'ani,a del negozio

Cui sta a spiranza di disigni e sonni, tempu perdi, pigghia muschi e malanni.

Chi sta a sperare nei progetti e nei sogni, perde tempo e prende mosche e malanni.

Suli càuru cu assai ventu vaju a casa e sù cuntentu.

Sole caldo con molto vento, vado a casa e son contento.


Cui nun pò dari ajutu, 'nvanu ascuta.

Chi non può dare aiuto, invano ascolta.

Lu veru saviu è cui si sarva l'arma dici sant'Arfonsu.

Savio autentico è colui che salva l'anima, dice sant'Alfonso.

La saluti veni di l'alligrizza di lu cori.

La salute scaturisce dall'allegrezza del cuore.

Voi stari di saluti sempri chinu?/mancia sempri ova e trinca bonu vinu.

Vuoi esser sempre di salute pieno? Mangia sempre uova e trinca vino buono.

A spiziali nun tastari, a firraru nun tuccari.

Dallo speziale non assaggiare, dal fabbro non toccare.

Cui nun senti raggiuni, nun pò fari così cu raggiuni.

Chi non intende ragione, non può agire con senno.

Cui perdi l'onuri, perdi assai, ma cui perdi la fidi, perdi tuttu.

Chi perde l'onore perde molto, ma chi perde la fede perde tutto.

Megghiu muriri chi rùmpiri la fidi.

Meglio morire che rompere la fede.

Pri la suverchia cummidità la riligioni pirirà.

Per soverchio amore di comodità la religione perirà.

Accumincia ad arricchiri cu' accumincia a disprizzari li ricchizzi.

Comincia ad arricchire chi comincia a disprezzare le ricchezze.

Quannu si 'n tempu di pruspiritati, timi l'avvirsitati.

Quando godi prosperità, temi l'avversità.

Tri cosi fannu l'omu riccu: guadagnari e nun spènniri, prumèttiri e 'n'attenniri, accattari e nun vinniri.

Tre cose fanno l'uomo ricco: guadagnare e non spendere, promettere e non attendere,

comprare e non vendere.

Si lassi la cascia aperta, macàri lu santu pecca.

Se lasci la cassa aperta, fors'anche il santo pecca.

Sariva a pezza pu puttusu.

Metti da parte la pezza per poi farne buon uso.

A santu chi nun suda, nun ti cci addinucchiari.

Dinnanzi a santo che non suda non si commuove, non inginocchiarti.

Contra furtuna nun vali sapìri.

Contro la fortuna non vale il sapere.

Cu' ad àutru 'nzigna, acquista cchiù sapiri.

Chi ad altri insegna, acquista più sapere.

Cui cchiù sapi,menu cridi.

Chi più sa, meno crede.

A testa bianca spissu lu sennu manca.

A testa bianca spessu il senno manca.


Cu abusa prestu disusa.

Chi abusa, presto smette.

Gaggia aperta aceddu mortu.

Gabbia aperta, uccello morto. Si usa dire quando uno si dimentica di abbottonare l'apertura dei pantaloni.

Un sittimbri càudu e asciuttu maturari fa ogni fruttu.

Un settembre caldo e asciutto maturare fa ogni frutto.

Onestati e gintilizza avanzanu ogni biddizza.

Onesta e gentilezza vincono ogni bellezza.

Cui perdi l'onuri, nun lu trova cchiù.

Chi perde l'onore non lo trova più.

L'onuri è fattu a li robbi.

Il riguardo è usato agli abiti.

Quantu va l'onuri di la frunti, nun va Palermu livannu li santi.

Quanto vale l'onore della fronte non vale Palermo toltine i santi.

Statti onuratu e nun ti curari si sì poviru.

Mantieni onorato e non preoccuparti se sei povero.

Lu sonnu della notti cunsigghia l'omu.

Il sonno della notte consiglia l'uomo.

Quannu lu jornu 'n peni si travagghia,/pri li pinseri la notti si vigghia.

Quando il giorno tra pene si lavora, per le preoccupazioni la notte si sveglia.

Lu bonu surdatu pari la guerra.

Il buon soldato si conosce in guerra.

Ammuccia lu latinu 'gnuranza di parrinu.

Nasconde il latino ignoranza il prete.

Ognunu pensa a lu propriu guadagnu e si joca accussì a gabba cumpagnu.

Ognuno pensa al proprio guadagno e così si giuoca a gabbare il compagno.

Cu' havi manu friddi è 'nnamuratu; cu' havi manu càudi è 'ngarztu.

Chia ha mani fredde è innamorato; chi ha mani calde, fa l'amore.

Quannu lu zitu e la zita si vonnu, li parenti accurdari a forza si hannu.

Quando lo sposo e la sposa si vogliono, i parenti accordarsi per forza debbono.

Cu' ammuccia zoccu fa, è signu chi mali fa.

Chi nasconde ciò che fa, segno è che male fa.

Sciloccu chiaru e tramuntana scura,/mèttiti a mari senza paura. 

Scirocco chiaro e tramontana scura, mèttiti in mare senza paura.

Lu maritu senza affettu è comu la casa senza tettu.

Il marito senza affetto e come la casa senza tetto.

Marzu conza e guasta né guvernu cc'è chi basta.

Marzo aggiusta e guasta né governo esiste che basti.

Quannu in marzu suli e acqua 'ncuttu sempri cu acqua e suli carricari fa li muli.

Quando in marzo sole e pioggia sempre fitti s'avvicendano con pioggia e sole, sovraccarichi andranno i muli.

Lu beddu di lu jocu è fari i fatti e parrari pocu.

Il bello del gioco è fare i fatti e parlare poco.

Mentri si' 'n giuvintù acquista virtù.

Mentre sei giovane procura di acquistare virtù.

Cui perdi la mugghieri pri giustizia, nun si chiama curnutu.

Chi perde la mogli per via di giustizia non si può qualificare cornuto.

Di jùdici chi penni, 'ngiustizia s'attenni.

Da giudice che pende, ingiustizia s'attende.

Giustizia e focu, dàticci locu!

Giustizia e fuoco, fate largo!.

Lu malu guadagnatu prestu è cunsumatu.

Il mal guadagnato presto è consumato.

Guadagnu fa guagghiardu.

Guadagno rende solerti.

Guadagnu luntanu arresta pri la via.

Guadagno lontano resta per via.

Lu guadagnu fa passari la stanchizza.

Il guadagno fa passare la stanchezza.

Pocu servi lu guadagnu s' 'un si sapi manteniri.

Poco serve il guadagno se non si sa custodire.

Raru guadagnu c'è senza lu 'ngannu.

Raramente si guadagna se non s'inganna.

Quannu lu tempu si muta, la vèstia stranuta.

Quando il tempo muta, la bestia starnuta.

Cui porta la mugghieri ad ogni festa, nun ci manchirà dogghia di testa.

Chi porta la moglie ad

ogni festa, certo avrà doglia di testa.

Bona terra e bona mugghieri portunu all'omu beni.

Bona terra e buona moglie portano all'uomo benessere.

Moggi onesta, tisoru ch'arresta, mogghi trista è peju di la pesta

. Moglie onesta, tesoro che resta, moglie trista è peggior della peste.

Mugghieri di muntagna e maritu di citati.

Moglie di montagna e marito cittadino.

Muggieri e runzinu, pìgghiali di lu vicinu.

Moglie e ronzino, pigliali dal vicino.

Mugghieri superba e maritu gridaci/mai starannu 'npaci.

Moglie superba e marito gridone mai godranno unione.

Assai megghiu addivintirai si a la morti pinsirai.

Assai migliore diventerai se alla morte penserai.

Cu la morti 'un si perdi la speranza: la dannazioni si chiama spartenza.

Con la morte non si perde la speranza: la dannazione si chiama spartenza.

La morti a tutti trova e lu munnu s'arrinova.

La Morte arriva per tutti e così il mondo si rinnova.

Cu monaci e surdati nun cò gghiri amistati.

Con monaci e soldati. non cogliere amicizia.

Lettu di Duminicani, tavula di Cappuccini, lussu di Binidittini.

Caratteristica proverbiale dei

Domenicani è il letto soffice, dei Cappuccini la buona tavola, dei Benedettini il lusso.

Cui nun voli focu, livassi li ligna.

Chi non vuole il fuoco, levi la legna

Lu focu forti facili s'astuta.

Il fuoco forte facilmente si spegne.

La gilusia avvilena lu cori, spanni lu feli 'ntra lu duci amuri.

La gelosia avvelena il cuore, spande il fiele nel dolce amore.

La gilusia è càmula di l'amuri.

La gelosia è tarlo dell'amore.

S'un ci fussi la gilusia l'amuri nun camparirìa.

Se non ci fosse la gelosia, l'amore andrebbe via.

Lu matrimoniu s'havi a fari o prestu o mai.

Il matrimonio si deve far presto o mai.

Marìta li figghioli cu sò pari pri nun s'aviri un jornu a lamintari.

Marita le figliuole con lor pari perchè non s'abbian poi a lamentare.

Matrimoni e criàti,/nun nni purtati cà sariti gastimati.

Matrimoni e servitori non portate perchè sarete detestati.

Bellu fussi lu maritari, si nun fussi pri l'annacari.

Bello sarebbe sposare se non fosse per il cullare.

Matrimoni tardii orfani primintii.

Matrimoni tardivi: orfani prematuri.

Li medici si 'nsìgnanu supra li malati.

I medici si addestrano sopra i malati.

Mali sta lu malatu quannu li medici disputanu.

Sta male l'infermo quando i medici disputano.

Medicu cristianu e avvucatu paganu.

Il medico cristiano e l'avvocato pagano.

Medicu nuveddu, pestilenzia di patria!.

Medico novello, peste di patria.

Medicu vecchiu e spiziali novu.

Vecchio il medico e giovane il farmacista.

'Ntempu d'epiremia duttura in allegria.

In tempo d'epidemia dottori in allegria.

Su 'stiddi 'n terra li medici dotti.

Sono stelle in terra i medici sapienti.

Mircanti fallutu è menzu arriccutu.

Mercante arricchito è mezzo arricchito.

Cui di la propria libbirtà si spogghia, sempri si trova cu affannu e cu dogghia.

Chi della propria libertà si spoglia, sempre si trova con affanno e doglia.

Puta a la luna di jinnaru si vo jìnchiri li virtù.

Pota durante la luna di gennaio se vuoi riempire le botti.

La luna di jinnaru luci comujornu chiaru.

La luna di gennaio splende come giorno chiaro.

Quannu la luna è pàllita. chiovi: quannu è russa, fa ventu e quann'è chiara fa sirinità.

Quando la luna è pallida, piove; quand'è rossa, tira vento e quand'è chiara fa serenità.

Natali chi tuoi Pasqua cu cu' vuoi.

Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi.

Cu' 'nsapi l'arti chiuri a putia.

Chi non sa l'arte chiude la bottega.

Miegliu l'uovu oggi ca a iaddina dumani.

Meglio l'uovo oggi che la gallina domani.

Cu' ha dinari lu misi di maju, nn'lhavi tuttu l'annu.

Chi ha denari nel mese di maggio, ne ha tutto l'anno.

Gamma a lettu e vrazza a pettu.

Gamba a letto e braccio al petto.

Hai un mali?-Dillu a tutti.

Hai un male?-Dillo a tutti.

La pudagra è mali di li ricchi.

La podagra è malattia dei ricchi.

Li ròsuli pàssanu cu lu ciuri di maju.

I geloni scompaiono con i fiori di maggio.

La 'nfermità è visita di Diu.

L'infermita è visita di Dio.


up

 
Modi di dire Siciliani
 
Di la `Mmaculata a Santa Lucia quantu `n passu di cucciuvia.

Di Santa Lucia a Natali quantu `n passu di cani.

Di Natali all`annu novu quantu `n passu d`omu.
Dall`Immacolata a Santa Lucia quanto un passo di allodola, da Santa Lucia a Natale quanto un passo di cane, da Natale all`anno nuovo quanto un passo d`uomo
Per dare l`idea di quanto si allunghino le giornate in dicembre

Lampi e trona, itivinni arrassu, chista é la casa di Sant`Ignaziu.

Sant`Ignaziu e San Simuni, chista é la casa di nostru Signuri
Lampi e tuoni, allontanatevi, questa é la casa di Sant`Ignazio.

Sant`Ignazio e San Simone, questa é la casa di nostro Signore.
Formula per scongiurare il maltempo

Ficu fatta, càrimi `mmucca
Fico maturo, cadimi in bocca.
Si dice di chi vorrebbe evitare anche le fatiche minime.

Essiri `na musca nta `n mmoscu
Essere una mosca in un bosco.
Si dice di chi si trova in un ambiente molto vasto completamente solo.

Cu lu tuppu `un t`appi, senza tuppu t`appi.

Cu lu tuppu o senza tuppu,
basta chi t`appi e comu t`appi t`appi. Scioglilingua:
Con i capelli raccolti sulla nuca non ti ho avuta, senza capelli raccolti sulla nuca ti ho avuta. Con i capelli raccolti o senza capelli raccolti, basta che ti abbia avuta, comunque ti abbia avuta.

Si racconta scherzosamente di un giovane, innamorato di una ragazza che portava i capelli raccolti sulla nuca.

La madre della ragazza si oppose a quell`amore a la giovane per il dolore si tagliò i capelli. Allora la madre, pentita, acconsentì, per cui il giovane ebbe motivo di pronunziare le parole dette sopra

Irisinni ursu tu e ursu jè.
Si dice di persone che si devono allontanare cautamente e ognuna per conto proprio, come se non si conoscessero.

Cu `n pettirrussu ficimu a Natali.

A mia mi tuccà lu pizzu e l`ali, a mè cumpari l`ugna di li peri.
Con un pettirosso abbiamo fatto il pranzo di Natale.

A me sono toccati il becco e le ali, a mio compare le unghie dei piedi.
Si dice di pranzi o cene molto poveri.

S'avissi pignateddu, ogghiu e sali mi facissi lu pani cottu, s`avissi lu pani.
Se avessi il pentolino, l`olio e il sale, mi farei il pane cotto, se avessi il pane.
Si dice di chi vuole realizzare un progetto senza averne assolutamente i mezzi.

Lu rialu di la soggira a la nora, rapi la cascia e pigghia `na fava.
Il regalo della suocera alla nuora, apre la cassa e prende una fava.

Santa lagnusia, `un m`abbannunati chi mancu speru abbannunari a vui.
Santa pigrizia, non abbandonatemi, ché anch'io spero di non abbandonare voi.

up

Proverbi Siracusani

Amicu e vadditi.

Cu' nasci tunnu nun po' moriri quattratu.

Megghiu campari 'n gnornu di liuni ca cent'anni di pecura.

Viziu e natura finu a morti rura.

Amicu ca mi cunti li to' vai
tu mi tincisti e iù t'anniricai!

Dimmi cu' sugnu e nun mi diri cu' era.

L'omu vili ha li pinseri abbasci,
e l'omu vili allura si canusci,
è comu 'n vavaluci quannu pasci
ca ni la so stissa muddura s'addummisci.

Iaddina ca camina torna ca vozza china.

Bon tempu e malu tempu nun dura tuttu'n tempu.

Pigghia terra ri lu to' munnizzaru e se nun la po' aviri accattila.

Cu' beni mi voli 'n casa mi veni.

I ferri fanu u mastru.

Cu' cancia a vecchia p'a nova peggiu trova.

Cantila soggira e sentatilla nora.

L'omu gilusu mori curnutu.

U immiruti ieva e bbineva e lu so' immu nun si lu vireva.

Caliti iuncu ca passa la china.

Quannu tira u ventu fatti canna!

Cu' tardu arriva mali alloggia.

Porta rispettu o cani pi segnu ro patruni.

Cu' nun senti a prima vuci vuo' diri ca u riscussu nun ci piaci.

Cu' di spiranza campa dispiratu mori.

Tu ca nun tessi e nun canni
ri unni ti veni ssu ghiommuru ranni?

O rubbeca o futteca o prucissioni lonca.

Vucca ca nun parra si chiama cucuzza.

Loncu e chinu i ventu.

U vinu bonu sta 'nta utti nica.

U panaru sutta l'acqua se nun si inchi si vagna.

Iri all'acqua senza u sicchiu.

Fari sciri u suli ro puzzu.

Cu' si vinni i tavuli e cu' si vinni i trispita.

Acqua lurda fa dinari.

Cu' si vardò si sarvò.

Quannu a iatta nun potti arrivari a saimi ci rissi ca era rancita.

Vuo' stari bbonu? Lamentiti!

Cu' sparti iavi a megghiu parti.

Cu' di sceccu fa'n cavaddu u primu cauciu è so.

Cu' si pigghia pena ra carni i l'autri, chidda so sa manciunu i cani.

O caru currici e o cchiù picca pensici.

Ogni lignu javi u so fumu.

Megghiu testa i sirpenti ca cura i liuni!

Quannu u riavulu accarizza voli l'amma.

Facci torta vintura ritta.

Sceccu potta e sceccu mancia.

Cu' ti sapi ti rapi.

'N patri campa centu figghi e centu figghi nun s'a firunu a campari a 'n patri.

U saziu nun criri o riunu.

A jaddina fa l'ovu e o jaddu ci abbrusca u culu.

'Nta corda ruppa ruppa ci va 'nto menzu cu nun ci curpa.

A casa capi quantu voli u patruni.

Tant'a quartara va all'acqua fina ca si rumpi o si ciacca.

Cu' arriva prima macina u mulinu.

Dissi lu puddicinu 'ntra la nassa:
"Unni maggiuri c'è minuri cessa".

Cu' javi sordi a muzzittinu si fa Pasqua, Natali e San Martinu.

Cent'anni r'amuri e 'n ura ri sdegnu.

Quantu vali a inchitura nun vali la fattura.

Cu' s'a senti s'a sona.

U pisci feti r'a testa.

U lupu r'a mala cuscenza comu opera pensa.

U jabbu arriva, ma a jastima no.

Triulu 'mpara a chianciri.

A me casa mi strinci e mi vasa.

Sarba a pezza pi quannu veni u purtusu.

Pensa la cosa prima ca la fai,
ca la cosa pinsata è bella assai.

Pani ruru e cuteddu ca nun tagghia.

Ogni'n 'mpirimentu è giuvamentu.

Niuru cu jè mortu 'nto cori i 'n autru.

A Riggina appi bisognu d'a vicina.

Cu' zappa la so vigna:
cu' megghiu a zappa megghiu 'a vignigna.

Cu' zappa vivi acqua e cu' futti vivi vutti.

Cu' pratica 'o zoppu all'annu zuppia.


Cu' paja avanti mancia pisci fitenti.

Na tavula nun si nni mettunu giuvini beddi, ma pani e cuteddi.

Cu' rici a virità mori 'mpisu.

Chiddu ca nun s'ha fattu ni merculi e ghioviri
nun si pò fari 'ntra venniri e sabutu.

O jornu nun ni vogghiu e a sira sfardu l'ogghiu.

Genti rintra testimoni fora.

 


up





Update 09-07-13

Spot



 


Feel free to give a donation through Paypal
to help sustain this site
with a
Donation


R
G
P

E

eXTReMe Tracker

 

 

| Contact | © Copyright PortaleStoria |