Fresh News

Seconda Guerra Mondiale

 

Italia 1940/1945

 

 

 

 



 

Armata Italiana in Russia (ARMIR) 10/12/1942- 1/1943
Corpo di Spedizione Italiano in Russia (CSIR) 10/7/1941

El Alamein operazione Lightfoot 23/10/1942-4/11/1942

Operazione Crusader - Libia 18/11/1941 - 7/12/1941
Primo Sole 14/7/1943
Sicilia - Operazione Husky 10/7/1943 - 17/8/1943


                                                                                                       
 

 

Armata Italiana in Russia (ARMIR)  

 

costituzione: 10/12/1942  


Army Group B (Generaloberst Maximilian Freiherr von und zu Weichs an der Glon)

8a armata Italiana in Russia (A.R.M.I.R.) (Generale d’Armata Italo Gariboldi)


generale Italo Gariboldi

Chief of Staff: Generale di Divisione Bruno Malaguti

Artillery Commander: Generale di Divisione Mario Balotta

Engineer Commander: Generale di Divisione Arnaldo Forgiero

Commander of Chemical Troops: Tenente Colonnello Cesiro Mischi

Aviation Commander: Generale di Brigata Aerea Enrico Pezzi * - 21o Gruppo Autonomo (Maggiore Ettore Foschini) composed of the 356a, 361a, 382a and 386a Squadriglie equipped Macchi C.200 “Saetta” fighters. In September 1942, twelve Macchi C.202 “Folgore” fighters plus two photographic-reconnaissance variants joined the group in Russia; 71o Gruppo Autonomo Osservazione Aerea composed of the 38a and 116a Squadriglie equipped with Caproni Ca.311 and Fiat Br.20 “Cicogna” aircraft.

Intendant General: Generale di Brigata Carlo Biglino

German General with the Italian 8th Army: General der Infanterie Kurt von Tippelskirch, 27 August 1942-1 February 1943.

Chief of the General Staff of the German General with the Italian 8th Army: Oberst Walter Nagel, 18 September 1942-5 January 1943; Generalmajor Dr. phil. Hans Speidel, 5 January 1943-5 February 1943.


Army-Level Assets:

Raggruppamento truppe a cavallo (Generale di Brigata Guglielmo Barbò di Casel Morano) - 3rd “Savoia Cavalleria” Regiment (Colonnello Alessandro Bettoni Cazzago) and 5th “Lancieri di Novara” Regiment (Colonnello Carlo Pagliano). The bulk of the two regiments had been removed to the rear for care of the horses; not employable in the winter season.

9º Raggruppamento Artiglieria d’Armata. As of 10 December 1942, all six of this organization’s artillery groups were farmed out to the four corps as reinforcements.

201o Regimmento Artiglieria Motorizzato (Colonnello Enrico Altaville) - I, II, III Gruppo da 75/32 (three batteries each). As of 10 December 1942, the III Gruppo was farmed out to the II Corps as reinforcement. 

4º Raggruppamento Artiglieria contraerei (Colonnello Giuseppe di Martino) - IV and XIX Gruppo cannoni da 75/46 (two batteries each); XXXVI, XXXVII and XXXVIII Gruppo cannoni da 75/46 (three batteries each).

31st, 40th, 42nd and 65th Antiaircraft Batteries (20mm)



Corpo Alpino Italiano  (Generale di Corpo d’Armata Gabriele Nasci)

Chief of Staff: Colonnello Giulio Martinat

Artillery Commander: Generale di Brigata Carlo Filippi

Engineer Commander: Generale di Brigata Cesare Tamassia



Divisioni di Linea

2nd Tridentina Alpine Division (Generale di Brigata Luigi Reverberi)
  6th and 5th Alpine Regiments (Colonnello Paolo Signorini and Colonnello Giuseppe Adam respectively)
  2nd Alpine Artillery Regiment (Colonnello Federico Moro).

3rd Julia Alpine Division (Generale di Brigata Umberto Ricagno**)
  9th and 8th Alpine Regiments (Colonnello Fausto Lavizzari and Colonnello Armando Cimolino respectively)
  3rd Alpine Artillery Regiment (Colonnello Pietro Gay).

4th Cuneense Alpine Division (Generale di Divisione Emilio Battisti***)
  1st and 2nd Alpine Regiments (Colonnello Luigi Manfredi and Colonnello Luigi Scrimin respectively)
  4th Alpine Artillery Regiment (Colonnello Enrico Orlandi).



Corpi Organici:

11º Raggruppamento Artiglieria di Corpo d’Armata - LI, LII and LIII Gruppo cannoni da 105/32; CXVII Gruppo obici da 149/13.

39th and 41st Antiaircraft Batteries (20mm)



Rinforzi:

Alpine Ski Battalion “Monte Cervino” (Tenente Colonnello Mario D’Adda)

Squadron grouping of dismounted cavalry from the Raggruppamento truppe a cavallo (see note above).

Horse Artillery Regiment (Colonnello Domenico Montella) - without horses; removed to the rear.

XXXII Gruppo cannoni da 149/40 of the 9º Raggruppamento Artiglieria di Corpo d’Armata

XXIV Gruppo cannoni da 149/28 of the 9º Raggruppamento Artiglieria di Corpo d’Armata

German Artillery Regiment 612



II Corpo (Generale di Corpo d’Armata Giovanni Zanghieri)

Chief of Staff: Colonnello Ugo Almici

Artillery Commander: Generale di Brigata Italo Giglio

Engineer Commander: Generale di Brigata Balilla Rima




Divisioni di linea

5th Cosseria Infantry Division (Generale di Divisione Enrico Gazzale; Divisional Infantry Commander: Generale di Brigata Vincenzo Robertiello)
  89th and 90th Salerno Infantry Regiments (Colonnello Paolino Maggio and Tenente Colonnello Giacomo Lapenna respectively)
  108th Motorized Artillery Regiment (Colonnello Ernesto Drommi) + German Grenadier Regiment 318 (Oberst Erich Mielke).****

3rd Ravenna Infantry Division (Generale di Brigata Francesco Dupont; Divisional Infantry Commander: Generale di Brigata Manlio Capizzi)
  38th and 37th Ravenna Infantry Regiments (Colonnello Mario Bianchi and Colonnello Giovanni Naldoni respectively)
  121st Motorized Artillery Regiment (Colonnello Giacomo Manfredi)
  three companies of German anti-tank guns (22 guns in total).



Corpi Organici:

2º Raggruppamento Artiglieria di Corpo d’Armata (Tenente Colonnello Liberato Mascagna) - III and XXIII Gruppo cannoni da 105/28; CIII, CXXIII and CXXIV Gruppo obici da 149/13. 

52nd and 54th Antiaircraft Batteries (20mm)

Raggruppamento CC.NN. “23 Marzo” (Luogotenente Generale Luigi Martinesi)
Gruppo Battaglioni CC.NN. “M” “Leonessa” (Console Graziano Sardu) - XIV and XV Battaglione CC.NN.; XXXVIII Battaglione CC.NN. Armi d’Accompagnamento [support arms].
Gruppo Battaglioni CC.NN. “M” “Valle Scrivia” (Console Mario Bertoni) - V and XXXIV Battaglione CC.NN.; XLI Battaglione CC.NN. Armi d’Accompagnamento [support arms].

 


Rinforzi:

III Gruppo of the 201o Regimmento Artiglieria Motorizzato

XXXI Gruppo cannoni da 149/40 of the 9º Raggruppamento Artiglieria d’Armata

101st Engineer Company - Ferrymen

 

 

XXXV Corpo (Generale di Corpo d’Armata Francesco Zingales)

Chief of Staff: Colonnello Gaetano Vargas

Artillery Commander: Generale di Brigata Adriano Perrod

Engineer Commander: Generale di Brigata Mario Tirelli

 

 

Divisioni di linea:

German 298th Infantry Division (Generalmajor Arnold Szelinski)
  Grenadier Regiments 525, 526 and 527
  Artillery Regiment 298.

9th Pasubio Semi-Motorized Infantry Division (Generale di Divisione Guido Boselli; Divisional Infantry Commander: Generale di Brigata Davide Borghini)
  79th and 80th Roma Infantry Regiments (Colonnello Armando Mazzocchi and Tenente Colonnello G.B. Casassa respectively)
  8th Motorized Artillery Regiment (Colonnello Alfredo Reginella). 

 

 


Corpi Organici:

30º Raggruppamento Artiglieria di Corpo d’Armata (Colonnello Lorenzo Matiotti) - LX, LXI and LXII Gruppo cannoni da 105/32; CXXIV Gruppo obici da 149/13.

95th and 97th Anti aircraft Batteries (20mm)

Raggruppamento CC.NN. “3 Gennaio” (Luogotenente Generale Filippo Diamanti)
Gruppo Battaglioni CC.NN. “M” “Montebello” (Console Italo Vianini) - VI and XXX Battaglione CC.NN.; XII Battaglione CC.NN. Armi d’Accompagnamento [support arms].
Gruppo Battaglioni CC.NN. “M” “Tagliamento” (Console Domenico Mittica) - LXIII and LXXIX Battaglione CC.NN.; LXIII Battaglione Armi d’Accompagnamento [support arms] (Army).



Rinforzi:

XXXIV Gruppo cannoni da 149/40 of the 9º Raggruppamento Artiglieria d’Armata

L Gruppo cannoni da 149/28 of the 9º Raggruppamento Artiglieria d’Armata


XXIX Corpo tedesco (General der Infanterie Hans von Obstfelder)

Chief of the General Staff: Oberst Albrecht Ritter



Divisioni di linea:

52nd Torino Semi-Motorized Infantry Division (Generale di Divisione Roberto Lerici; Divisional Infantry Commander: Generale di Brigata Cesare Rossi)
  81st and 82nd Torino Infantry Regiments (Colonnello Biagio Santini and Colonnello Evaristo Fioravanti respectively)
  52nd Motorized Artillery Regiment (Colonnello Giuseppe Ghiringhelli).

3rd Celere Division “Principe Amedeo Duca d’Aosta” (Generale di Divisione Ettore de Blasio; Vice Commander: Generale di Carlo Lombardi*****)
  3rd and 6th Bersaglieri Regiments (Colonnello Ercole Felici and Colonnello Mario Carloni respectively)
  120th Motorized Artillery Regiment (Tenente Colonnello Ugo de Simone)
  XLVII Battaglione Bersaglieri motociclisti, LXVII Battaglione Bersaglieri corazzato (two companies of L6/40 light tanks)
  XIII Gruppo “Cavalleggeri di Alessandria” (two squadrons of Semovente L/40 da 47/32 tank destroyers)
  Italian Croat Legion (Tenente Colonnello Egon Zitnik)
    one rifle battalion (three companies)
    one machinegun company
    one mortar company with 81mm pieces
    one anti-tank company with 47/32mm pieces
    one artillery battery with 65mm pieces.

2nd Sforzesca Infantry Division (Generale di Divisione Carlo Pellegrini; Divisional Infantry Commander: Generale di Brigata Michele Vaccaro)
  53rd and 54th Umbria Infantry Regiments (Colonnello Massimo Contini and Colonnello Mario Viale respectively)
  17th Motorized Artillery Regiment (Colonnello Achille Tirindelli).



Rinforzi:

LXXIII Gruppo obici da 210/22 of the 9º Raggruppamento Artiglieria d’Armata

 

 156 Divisione della Fanteria della Vicenza (di di Generale Brigata Etelvoldo Pascolini * * * * *) su linee dei doveri di comunicazioni sotto il Befehlshaber Heeresgebiet B-277 e 278 Reggimenti della Fanteria della Vicenza (Colonnello Giulio Cesare Salvi e Colonnello Gaetano Romeres rispettivamente).  

Note
* 29 dicembre 1942, Pezzi Generale fu ucciso nell'incidente di un Savoia Marchetti SM.81 “Pipistrello” aereo di trasporto di tri-motore dopo essere partito dalla guarnigione circondata a Chertkovo. Tutte le otto persone sull'aereo morto incluso Colonnello Prof. Federico Bocchetti, dottore di esercito del 8 Esercito italiano.
* * Preso prigioniero a gennaio 1943.
* * * Preso prigioniero a gennaio 1943.
* * * * Granatiere Reggimento 318 era un componente della 213 Divisione di Sicurezza.
* * * * * Il di di Generale Brigata Antonio Luridiana impiegò finito come comandante di vizio 13 dicembre 1942.
* * * * * * Preso prigioniero a gennaio 1943.


up 

 

Corpo di Spedizione Italiano in Russia (CSIR)



Costituito 10 luglio 1941, il C.S.I.R. arrivò in Russia a luglio-agosto 1941 e fu subordinato inizialmente a Generaloberst Eugen Ritter von Schobert dell'11a armata. Il 14 agosto 1941 il C.S.I.R. fu trasferito sotto  il controllo del Generaloberst Ewald von Kleist del I Gruppo Panzer (rinominato 1 armata Panzer il 25 ottobre 1941). Rimase sotto il comando di Kleist fino al 3 giugno 1942 quando fu subordinato al 17a armata del Generaloberst Richard Ruoff.
 
Il comandante originale, il Generale di corpo d'Armata Francesco Zingales fu trasferito a Vienna per malattia durante le fasi iniziali di trasporto in Russia e sostituito dal Generale di Corpo d'Armata Giovanni Messe il 14 luglio 1941.

generale Messe

 

 
La forza iniziale fu di 3,000 ufficiali e 59,000 uomini, 5,500 veicoli di motore e 4,000 cavalli e muli.
 
Il C.S.I.R. fu sciolto il 10 luglio 1942 per formare il XXXV corpo d'armata dell'8a armata di Italo Gariboldi sul Fronte Orientale (ARMIR). Messe rimase al comando del XXXV corpo fino al 1 novembre 1942 quando FUsostituito dal Generale di corpo d'Armata Francesco Zingales (decorato dalla Germania con la Croce di Cavaliere di Ferro il 23 gennaio 1942)
 
C.S.I.R. Capo di Personale: Colonnello Guido Piacenza; Colonnello Umberto Utili dal 1 novembre 1941 
C.S.I.R. Artiglieria Comandante: Generale di Brigata Francesco Dupont
C.S.I.R. comandante del genio: Colonnello Mario Tirelli
Relazione Ufficiale tedesco: Maggiore Hans-Wessel von Gyldenfeldt; Maggiore i.G. Reinhold Fellmer da ottobre 1941-20 novembre 1942.
 

Corpi:

30º Raggruppamento Artiglieria di Corpo d’Armata: Colonnello Lorenzo Matiotti - LX, LXI and LXII Gruppo cannoni da 105/32; IV and XIX Gruppo Autocampali cannoni contraerei da 75/46; 95a and 97a Batteria contraerei da 20 mm.

63a Legione CC.NN. “Tagliamento”: Console Nicolò Nicchiarelli - LXIII and LXXIX Battaglione CC.NN. and the LXIII Battaglione Armi d’Accompagnamento [support arms] (Army).

 

Divisioni di Linea:

9th Pasubio Semi-Motorized Infantry Division: Generale di Divisione Vittorio Giovannelli (Divisional Infantry Commander: Generale di Brigata Aldo Princivalle) - 79th and 80th Roma Infantry Regiments (Colonnello Rocco Blasioli and Colonnello Epifanio Chiaramonti respectively) and the 8th Motorized Artillery Regiment (Colonnello Alfredo Reginella).

52nd Torino Semi-Motorized Infantry Division: Generale di Divisione Luigi Manzi; later Generale di Divisione Roberto Lerici (Divisional Infantry Commander: Colonnello, later Generale di Brigata Ugo de Carolis*) - 81st and 82nd Torino Infantry Regiments (Colonnello Carlo Piccinini and Colonnello Evaristo Fioravanti respectively) and the 52nd Motorized Artillery Regiment (Colonnello Giuseppe Ghiringhelli).
* On 12 December 1941, Generale di Brigata Ugo de Carolis was killed in action in southern Russia; he was posthumously awarded the Medaglia d’Oro al Valore Militare. On 9 February 1942, he was honored by Germany with a posthumous award of the Knight’s Cross of the Iron Cross.

3rd Celere Division “Principe Amedeo Duca d’Aosta”: Generale di Brigata Mario Marazzani (Vice Commander: Generale di Brigata Gioacchino Solinas) - 3rd “Savoia Cavalleria” Regiment (Colonnello Weiss Poccetti), the 5th “Lancieri di Novara” Regiment (Colonnello Egidio Giusiana), the 3rd Bersaglieri Regiment (Colonnello Aminto Caretto), the 3rd Horse Artillery Regiment (Colonnello Cesare Colombo) and the III Gruppo Carri Veloci “San Giorgio” (61 L3 tankettes in four squadrons).

 

Comando Aviazione del C.S.I.R.: Colonnello Carlo Drago; Generale di Brigata Aerea Enrico Pezzi from 25 February 1942.

22o Gruppo Autonomo: Maggiore Giovanni Borzoni. Composed of the 359a, 362a, 369a and 371a Squadriglie equipped with 51 Macchi C.200 “Saetta” fighters; the group arrived in Russia in August 1941. During its service on the Eastern Front, the 22o Gruppo Autonomo claimed 14 Soviet fighters and several bombers without suffering any losses. The leading Italian fighter pilot on the Eastern Front was Sottotenente Giuseppe “Bepi” Biron of the 369a Squadriglie who shot down at least four Russian aircraft. Biron scored at least eight total kills during World War II.

16º Gruppo Autonomo Osservazione Aerea: Tenente Colonnello Bruno G. Ghierini. Composed of the 34a, 119a and 128a Squadriglie equipped with Caproni Ca.311 reconnaissance/observation aircraft; the group arrived in Russia in mid-August 1941.

Sezione Trasporti [Transport Section] composed of the 245a and 246a Squadriglie equipped with Savoia Marchetti SM.81 “Pipistrello” tri-motor transport aircraft.

 

up

 

 

El Alamein ~ Operazione Lightfoot

23/10/1942 - 4/11/1942

 



Gran Bretagna

196.000 uomini
1 Armata (8) Generale Bernard Law Montgomery


10 divisioni (9 australiana, 44, 50 ,51 inglesi,
2 neozelandese, 1,7 e 10 corazzate,1 sudafricana,
4 indiana,

939 cannoni
1506 pezzi anticarro
811 pezzi contraerei
1348 carri armati cui 500 sherman e grant 75
500 autoblindo
973 aerei cui 500 cacciabombardieri e bombardieri

 


Crusader II

30 corpo d'armata: divisioni 9, 51, 2,1,4,1 cor. ,10 cor.
13 corpo d'armata: divisioni 50,7,44; brigata
francesi liberi; brigata guardie

perdite:
4610 morti o dispersi, 500 carri armati

 

 

Panzerarmee Afrika: 108.000 uomini
21 corpo d'armata: divisioni Trento, 164, 15, Littorio, Bologna
10 corpo d'armata: divisioni Brescia, 21, Folgore, Pavia, Ariete
riserva: Trieste
777 aerei

 

Rommel

 

Germania

 generale Stumme

1 divisone di fanteria (164)
1 divisione meccanizzata (90)
2 divisioni corazzate (15,21)
1 divisione contraerea
1 brigata paracadutisti "Ramcke"
200 cannoni
372 pezzi anticarro
600 pezzi antiaerei
238 carri armati
47 autoblindo



Italia 

1 divisione paracadustisti (Folgore)
5 divisioni corazzate (Ariete, Littorio)
2 divisioni motorizzate (Trieste)
1 divisione fanteria (Bologna,Pavia, Brescia)
371 cannoni
150 pezzi anticarro
750 pezzi antiaereo
259 carri armati
72 autoblindo
230 aerei

 

M41



perdite: 

 

5000 morti, 20.000 prigionieri

 

 

perdite: 25.000 morti e feriti, 30.000 prigionieri
(10724 tedeschi)

1000 cannoni, 320 carri armati distrutti o catturati

 


up

 



Operazione Crusader ~ Libia 1941

18/11/1941 - 7/12/1941

Offensiva vittoriosa britannica in Libia per eliminare le forze dell'Asse

Gran Bretagna

gen. Claude Auchinleck



Armata n. 8 con 2 corpi d'armata (18,30)
1  divisione di fanteria inglese (70)
1 divisione indiana (4)
1 divisione neozelandese (2)
1 divisione sudafrica (1)
1 divsione corazzata (7)
2 brigate corazzate (32,1)
1 brigata della guardia (22)
1 brigata polacca
924 carri armati (200 di riserva)
1000 aerei

Italia:  generale Bastico

1 divisione corazzata (Ariete)
1 divisione motorizzata (Trieste)
5 divisioni di fanteria (Savona, Brescia,Trento, Bologna e Pavia)
189 carri armati

perdite: 8000 prigionieri



Germania:

2 divisioni corazzate (15,21)
1 divisione di fanteria (90)
249 carri armati cui 69 Pzkw II, 136 Pzkw III, 31 Pzkw IV

perdite italo tedesche: 382 carri armati, 32000 prigionieri (9000 tedeschi)


up


Sicilia ~ Operazione Husky

10/7/1943 - 17/8/1943

 



 

Le Forze contrapposte

 

Germania

feldmaresciallo Albert Kesserling

40.000 uomini
15ma  divisione panzergrenadier(Eberhard Roth)
divisione corazzata Hermann Goering (gen. Conrath)
29ma  divisione panzergrenadier
320 aerei

Italia

generale Alfredo Guzzoni



Armata n. 6 con Comando ad Enna
230.000 uomini
1500 cannoni

- Intendenza (gen. Ugo Abbondanza) Unità a disposizione 4ª Div. fanteria "Livorno"(33rd/34th Infantry Regiment 28th Artillery Regiment 3 Anti-Aircraft Battalions) unità minori di arditi e parà (gen. Domenico Chirieleison) supporti d'armata 10-177° bersaglieri, 1 Btg. costiero bersaglieri, 2 cp moto, 1 btg R35, XXIX Brigata costiera 136° rgt. - Gruppi mobili - Gruppi Tattici;

- XII CdA (gen. Mario Arisio; dal 12 luglio gen. Francesco Zingales)
Sicilia Occidentale
- 26ª Div. fant.. "Assietta"29th/30th Infantry Regiment 17th "Blackshirts" Battalion 25th Artillery Regiment CXXVI Mortar Battalion
- 28ª Div. fant. "Aosta" 5th/6th Infantry Regiment 171st "Blackshirts" Battalion 22nd Artillery Regiment XXVIII Mortar Battalion - truppe Costiere di C.d.A. di rinforzo : 136° Rgt. fant. Autonomo (fra Palermo e S. Stefano di Camastra) - Difesa Porto "N" (Palermo) - 208ª Div. costiera (fra Palermo e Trapani) - 202ª gen. Ficalbi (124/125° rgt 62/63° rgp a.c.) - 207ª gen. De Laurentis (138/139° rgt 12° rgp a.c.) - 230ª gen. Conti (120/184° rgt 43° rgp a.c.)- e cavalieri (23°) appiedati.


- XVI CdA (gen. Carlo Rossi)
Sicilia Orientale
54ª Div. fant. "Napoli" 75th/76th Infantry Regiment 173rd "Blackshirts" Battalion 54th Artillery Regiment gen. Giulio Cesare Conte Gotti Porcinari (Firenze 17-8-1888 + Roma 7-7-1946 già Comandante del 1° Reggimento bersaglieri nel 1936) - truppe di C.d.A. di rinforzo Costiere - XIX Brigata costiera 140/179° rgt (dislocata da S. Stefano di Camastra fino a Messina) - 213ª Div. cost. 135 ° rgt (distesa fra Messina e Catania) - Difesa Porto "E" (Catania) - XVIII Brig. cost. 134/178° rgt e 206ª gen. D'Havet cost. 122/123/146 ° rgt (fra Licata e Siracusa). supporti 1 btg R35, 1 fiat 3000, 1 smv 47/32
Ad altre truppe di terra si aggiungono le Piazze Militari della Marina, legioni e coorti costiere autonome, artiglierie, Controcarro e mortai, reparti minori, genio i treni armati di Siracusa, Catania, Licata e Porto Empedocle nonché il Comando dell'Aeronautica della Sicilia (gen. di Div. aerea Adriano Monti) e la Difesa contraerea territoriale per un totale di 200.000 italiani e 30.000 tedeschi su due divisioni (15a granatieri e corazzata Goering)

Riserva mobi dei due Corpi d'armata
10° Rgt. (35°-73°-74° Btg) (gruppo tattico Chiusa Sclafani in rinforzo al XII C.d.A)
177° Rgt. territoriale (Btg.75°-76°-77° o 525-526-527) rispettivamente dai depositi del 3°-6°-2° a disposizione della 207a divisione costiera + 30° gruppo cavalleria

558° o LVIII btg. ? dal deposito del x (autonomo col gruppo tattico Linguaglossa in rinforzo al XVI C.d.A)
- I btg. controcarro (al XVI cda) + 3 cp. bersaglieri motociclisti
- XLI btg costiero (o LI da verificare XII C.d.A )
- 542° btg costiero (206a divisione costiera Gruppo mobile Rosolini XVI C.d.A)

200 aerei

 

La flotta di invasione

1375 navi da combattimento e trasporto (di cui 6 corazzate, 2 portaerei, 15 incrociatori, 128 cacciatorpediniere, 26 sommergibili, ecc) e 1839 mezzi da sbarco di vario tipo per il trasporto a terra di uomini (circa 180.000) e mezzi (14.000 automezzi 600 carri armati), sotto la protezione di circa 4.000 aerei.

 


Gran Bretagna

Gen. Bernard law Montgomery

115.000 anglo-canadesi

Armata n. 8   (Siracusa - Cassibile - Noto -Pachino )


30° Corpo d' Armata:
Gen. Olivier Leese
Brigata n. 231 (nord di Pachino)
Divisione di fanteria n. 51 Highlanders 
Gen. Douglas Wimberley  (Pachino)

Divisione di fanteria Canadese n. 1
(Capo Passero - Punta Braccetto)

Divisione di fanteria n.78 (dal 25/7 a Siracusa)
Commandos n. 40 a 41 (Gela)


13° corpo d' armata:
gen. Miles Dempsey
Brigata aerotrasportata n. 1 (Siracusa)
Divisione di fanteria n. 5 (Cassibile)
Divisione di fanteria n. 50 (Avola)

Corazzate:
Ancon
Nelson
Rodney

Portaerei: Indomitable

Incrociatori: 10
Cacciatorpediniere: 71


U.S.A.

Gen. George Patton


66.000 americani

Armata n. 7  (Gela -Licata..Scoglitti)  
Divsione paracadutisti n. 82
Divsione di fanteria n. 45 (Punta Bracetto - Gela) 
gen. Tony Middleton
 

Divisione di fanteria n. 1 (Gela) Gen. Terry Allen
Divisione di fanteria n. 9 (Palermo) dal 1/8/1943
Rangers (Gela)
Divisione di fanteria n. 3 (Licata) Gen. Lucien Truscott

Truscott


48 cacciatorpediere

Marina alleata:
amm. Cunningham
2590 navi di ogni grandezza  
di cui
6 corazzate
2 portaerei
3 monitori
15 incrociatori
128 cacciatorpediniere (6 greci, 3 polacchi)
26 sottomarini (1 olandese e 1 polacco)
211 cargo e navi da trasporto
1734 mezzi da sbarco

Aviazione alleata:

5.000 aerei
di cui 822 aerei da trasporto e
900 alianti



Alleati

15° Gruppo di Armate

8 U.K.
7 U.S.A.

467.000 uomini


Perdite dell'Asse

132.000 prigionieri
260 tanks catturati
520 cannoni catturati
4278 morti italiani
4325 morti tedeschi
1500 aerei


Perdite degli Alleati

4299 morti
3242 dispersi
5 navi da carico
1 petroliera
1 cacciatorpediere (Maddox)



In sei giorni furono sgombrate tutte le unità tedesche ( 40.000 uomini, 9.600 veicoli, 94 cannoni, 47 carri e materiale vario) e 62.000 italiani (230 veicoli e 40 cannoni)

up 

Primo Sole 14/7/1943

Operazione Husky:

Dopo lo sbarco angloamericano in Sicilia gli eventi precipitarono nel tentativo di accelerare la corsa verso Messina attraverso Catania.

L'8ª Armata britannica conquistata Augusta sulla costa orientale dell'isola voleva effettuare una rapida avanzata attraverso la piana di Catania per proseguire poi verso Messina. Per fermare Montgomery, il Comando germanico ordinò di stabilire una solida linea difensiva nell'area intorno all'Etna e schierò la 1ª FALLSCHIRMJAEGER
agli ordini del General der Fallschirmtruppe Richard Heidrich, di stanza ad Avignone nella Francia meridionale: qui i reparti si stavano riposando dopo un lungo periodo di duri combattimenti sul fronte orientale.
Nella notte tra il 10 e l'11 luglio, i paracadutisti della Divisione furono messi in stato di allerta. Dopo solo poche ore, i primi reparti ricevettero l'ordine di trasferimento in Italia: il 3° Reggimento paracadutisti, il 1° ed il 3° Battaglione del 4° Reggimento, il battaglione mitraglieri paracadutisti insieme ad altri reparti vennero lanciati o fatti atterrare nell'area intorno a Catania.

Il 1° Reggimento paracadutisti raggiunse Napoli via ferrovia, e qui attese il trasferimento in Sicilia.

Il 3° Reggimento:
2° Battaglione del maggiore Rau: presso Francofonte

1° e 3° Battaglione agli ordini dei maggiori Boehmler e Kratzert: a nord nella zona di Lentini e Carlentini
Il battaglione attestato a Lentini fu raggiunto il 13 luglio dal Battaglione mitraglieri e da altri reparti.

4° Reggimento: ponte di Primosole sul fiume Simeto.  I primi fallschirmjaeger tedeschi che scesero nella zona dell'aeroporto di Catania e nei suoi dintorni, nella notte tra il 12 ed il 13 luglio precedettero di qualche ora l'arrivo dei paracadutisti inglesi.


Per tenere lontano gli inglesi dalla piana di Catania occorreva tenere il ponte sul Simeto, poco più di 10 km a sud di Catania.


 
Contemporaneamente Montgomery lanciava alle 22,15 del 13 luglio 1943 l'operazione FUSTIAN con  alianti e paracadutisti per conquistare il porto e i campi d'aviazione. L'operazione prevedeva una seconda parte, consistente in uno sbarco di commandos britannici via mare ad Agnone. Per la conquista del Ponte si provvide con un lancio di paracadutisti accompagnati da aviosharchi di aliantisti muniti di armamento pesante:

1ª Brigata Paracadutisti inglese
° Squadrone di genieri paracadutisti
16ª unità di sanità aviotrasportata appartenente al Reale Corpo medico dell'esercito
1.856 uomini
1un distaccamento di artiglieria con 77 uomini e 10 cannoni controcarro
18 jeep per il trasporto caricati sugli alianti

116 C-47 (Dakota) del 51° Storno trasporto truppe
alianti: 7 Halifax e 12 Albemarle della 295ª e 296ª squadriglie inglesi

Reparti del battaglione genio paracadutisti tedesco si lanciarono nella zona dell'aereoporto all'alba del 14 luglio mettendosi subito in marcia verso il fronte sul fiume Simeto.

Solo il 17/7/1943 i tedeschi si ritirarono dopo aver inflitto e subito pesanti perdite agli inglesi.
 


1ª Divisione Fallschirmjaeger
Comandante: maggior generale Heidrich

- Comando
- Stabs Kompanie Plotone motociclisti
- Distaccamento polizia militare motorizzato



1° Fallschirmjäger Regiment
(Tenente colonello Schulz)

- Comando
- Plotone comunicazioni
- Plotone ciclisti
- Plotone pionieri
- 1° Fallschirmjäger Battalion (Magg. von der Schulenburg)
- 2° Fallschirmjäger Battalion (Maggiore Groschke)
- 3° Fallschirmjäger Battalion (Capitano Becker)

Composti da tre compagnie, un plotone comunicazioni ed una compagnia pesante.


3° Fallschirmjäger Regiment
(Tenente colonello Heilmann)

- Comando
- Plotone comunicazioni
- Plotone ciclisti
- Plotone pionieri
- 1° Fallschirmjäger Battalion (Maggiore Bohmler)
- 2° Fallschirmjäger Battalion (Maggiore Rau)
- 3° Fallschirmjäger Battalion (Maggiore Kratzert)

4° Fallschirmjäger Regiment
(Tenente colonello Walther)

- Comando
- Plotone comunicazioni
- Plotone ciclisti
- Plotone pionieri
- 1° Fallschirmjäger Battalion (Maggiore Egger)
- 2° Fallschirmjäger Battalion (Maggiore Vosshage)
- 3° Fallschirmjäger Battalion (Capitano Grassmel)

13ª Fallschirmjäger Nebelwerfer Kompanie

14ª Fallschirmjäger Panzerjäger Kompanie

1° Fallschirmjäger Artillery Regiment
(Maggiore Schram)

- Batteria comando
- Plotone comunicazioni
- 1ª Batteria


up





Update 20-04-14

Spot



 


Feel free to give a donation through Paypal
to help sustain this site
with a
Donation


R
G
P

E

 

 

| up  |  Home  |  Contact  |  ©  Copyright  Portale  Storia  |